Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2020
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

Inter, Ausilio: "Ora dovremo mantenere la qualità, ma occhio al bilancio. Conte valore aggiunto"

Inter, Ausilio: "Ora dovremo mantenere la qualità, ma occhio al bilancio. Conte valore aggiunto"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
mercoledì 05 maggio 2021 15:45Serie A
di Tommaso Bonan

"Oggi ci siamo ritrovati ad Appiano dopo due giorni di riposo per festeggiare tutti assieme. E' stato un percorso difficile, non è mai facile quando cambi tre proprietà in pochi anni. Nel periodo Zhang il tempo è stato quello giusto, abbiamo riorganizzato la società in pochissimo tempo. Negli ultimi due anni abbiamo poi ridefinito il percorso e lo abbiamo reso vincente con l'arrivo di Conte". Parla così, a Sky Sport, il direttore sportivo dell'Inter, Piero Ausilo: "Per come era finita la passata stagione, sentivo delle sensazioni positive, per quello che era stato il nostro lavoro. Era già stato un anno positivo, e da lì dovevamo ripartire".

Adesso arriva la parte difficile: confermarsi. "Intanto adesso ci godiamo un po' di riposo, ma la nostra stagione non è finita. Abbiamo ancora quattro gare, dobbiamo onorare il campionato e chiudere al meglio la stagione. Poi avremo il tempo di programmare il futuro. Ora ci godiamo il successo, sperando di poterlo condividere con i nostri tifosi nel modo adeguato nei prossimi giorni. Per il resto, dovremo essere capaci di mantenere la qualità della squadra, con un occhio all'aspetto finanziario".

Spalletti e Conte. "Non dimentico le persone con cui ho lavorato. Con Spalletti è partito il percorso di rinascita, anche al livello europeo. Conte è uno che porta tutto all'eccesso, un valore aggiunto. All'inizio di questa stagione c'erano tante squadra in lizza, e Conte ha fatto la differenza. Se fosse stato su un'altra panchina, magari lo scudetto sarebbe andato da un'altra parte. Qualsiasi squadra deve essere organizzata e strutturata partendo dall'allenatore, e solo un grande allenatore come lui poteva gestire tutte le pressioni che abbiamo avuto in questi anni".

Ora va definito anche il futuro di Conte. "Non penso ci sarà un meeting ufficiale, ci saranno degli incontri come in tutte le società. Lo faremo anche noi, magari in un modo più riservato".

Mourinho alla Roma. "Sposterà tantissimo, farà bene nell'ambiente giallorosso. E ci sarà un ritorno positivo anche per tutto il nostro calcio. Come parte di un sistema, sono molto felice che sia tornato in Italia".

C'è mai stata la possibilità di rivedere Mourinho all'Inter in questi anni? "No, non c'è mai stata la possibilità. Lui ha sempre lavorato in grandi club, noi siamo partiti con un percorso difficile e diverso, concluso e definito al meglio con Conte".

Sensazioni su Conte. "Penso che il mister abbia solo voglia di confermarsi, così come noi abbiamo voglia di crescere e di continuare a vincere. Bisogna però anche essere realisti e affrontare dei temi che a tempo debito andranno affrontati. La pandemia ha diminuito i ricavi in tutto il mondo del calcio, e noi viviamo di ricavi che poi vengono utilizzati per il mercato. Senza, servono anche fantasie e idee".

Il capitolo rinnovi è al momento in sospeso? "Molto è già stato fatto, in realtà. Soprattutto nel caso Bastoni,l'accordo va solo formalizzato. Non cambia nulla aspettare 10 o 15 giorni. Dopo il progetto finanziario che il club ci illustrerà, andremo a definire i vari casi".

Situazione Lautaro. "Eravamo a buon punto per il rinnovo, ma il fatto che abbia cambiato gli agenti ci mette nelle condizioni non dico di ricominciare da capo, ma quasi".

C'è il rischio di dover cedere i giocatori con ingaggi troppo alti? "E' prematuro, sono discorsi non ancora affrontati. Vogliamo fare le cose per bene, e questo non vuol dire vendere dei giocatori. Bisogna fare un'analisi generale con tutte le componenti della società. Cercheremo ovviamente di fare in modo che i migliori possano restare, facendo coincidere le esigenze del club".

La svolta di Eriksen. "E' un professionista pazzesco, ha sorpreso anche noi. Non è mai facile arrivare in Serie A, l'impatto con un nuovo ambiente, col sistema di gioco. C'ha messo un po', ma siamo molto felici di poter commentare il valore del ragazzo e tutto quello che ha dato alla squadra per la conquista dello scudetto".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000