Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Lecce, Gendrey e la festa per la promozione in A: "Momento indimenticabile. Che sorpresa l'Italia"

Lecce, Gendrey e la festa per la promozione in A: "Momento indimenticabile. Che sorpresa l'Italia"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
mercoledì 18 maggio 2022, 00:15Serie A
di Ivan Cardia

"È davvero tanto bella. Ha spiagge incredibili a trenta minuti di distanza, con magnifiche scogliere. Se qualcuno vuole venire in zona, posso fare da guida". Innamorato del capoluogo difensivo, il francese Valentin Gendrey è uno dei protagonisti della promozione in Serie A del Lecce, che ha raccontato a RMC Sport: "Prima di arrivare in Italia - riporta calciolecce.it - non guardavo particolarmente la Serie A, e ancor meno la Serie B. Allora mi dico la solita cosa: in Italia il gioco è chiuso, le squadre sono disciplinate, ecc. Prima partita ufficiale, quella di Coppa Italia contro il Parma, Baroni ci dice: 'oggi facciamo marcatura a uomo'. Chiede a un nostro difensore centrale di seguire l’attaccante anche se raccoglie nella sua stessa area. Siamo stati in una situazione uno contro uno per quasi tutta la partita in difesa".

La festa promozione?
"Abbiamo avuto la possibilità di giocare in casa e suggellare la promozione nel nostro stadio. Era pieno. Un’atmosfera incredibile. È stato un momento indimenticabile. Dopo la partita, eravamo in campo tra giocatori e staff. Poi le famiglie sono scese e ho potuto sperimentarlo con il mio fratellino. Sul campo c’era l’unione con i tifosi, ma tra noi abbiamo festeggiato tanto. Dopo che alcuni fan sono scesi perché erano rimasti a lungo e hanno festeggiato con noi. A mezzanotte i dirigenti ci dicono: ‘tra trenta minuti prenderemo l’autobus e faremo il giro della città’. C’era una marea di gente. L’autobus non poteva andare avanti. Siamo tornati alle 4 del mattino".