Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

LIVE TMW - Malta, il ct Marcolini: "Per noi la sfida contro l'Italia è un Everest da scalare..."

LIVE TMW - Malta, il ct Marcolini: "Per noi la sfida contro l'Italia è un Everest da scalare..."TUTTO mercato WEB
sabato 25 marzo 2023, 14:55Serie A
di Raimondo De Magistris
fonte Dal nostro inviato al National Stadium Ta' Qali, Malta
Premere F5 per aggiornare la pagina

14.35 - Avrà inizio tra pochi minuti la conferenza stampa di Michele Marcolini. Il ct di Malta, alla sua seconda partita alla guida di questa nazionale, presenterà tra pochi minuti la sfida contro l'Italia valida per la qualificazione a Euro 2024.

14.47 - Ha inizio la conferenza stampa.

Qual è la condizione fisica dei giocatori? C'è qualche affaticamento?
"Fortunatamente non abbiamo alcun problema fisico, i ragazzi stanno cercando di recuperare al meglio. Abbiamo usato tante energie in Macedonia, però non ci sono problemi particolari. Per la tattica, non credo che cambierò: sono qui da poco, ho la fortuna che il campionato qui si ferma una settimana prima della sosta e ho lavorato un po' con loro. Per ora questa è la nostra organizzazione, poi vedremo".

Che Italia ti aspetti?
"Paragonare la gara contro l'Inghilterra a quella contro di noi è inutile, sono due gare completamente diverse. L'atteggiamento sarà molto più spregiudicato, mi aspetto un'Italia abbastanza diversa. E' stata sconfitta, ma è sempre una delle squadre più forti del mondo e per noi è sempre un Everest da scalare".

C'è più pressione sull'Italia?
"Il rischio per l'Italia quando gioca queste partite è prendere la gara sottogamba. Ma non credo lo faranno questa volta. Venendo dalla sconfitta bruciante contro l'Inghilterra vorranno dimostrare una reazione forte, decisa. Questa è una preoccupazione in più".

La squadra è tutta disponibile?
"Sì, nessun problema".

Che atteggiamento ti aspetti?
"Non metterò il pullman davanti l'area, ma poi tanto dipenderà dall'atteggiamento dell'Italia. Quando giochi contro una squadra molto più forte poi ti trovi a dover chiudere gli spazi. Ma questo non vuol dire che rinunceremo a giocare, anche in Macedonia abbiamo costruito le nostre azioni. Chiaramente grande attenzione alla fase difensiva, ma poi proveremo a essere ficcanti. In Macedonia abbiamo disputato una buona partita, spaccata in due da due giocate di ottimi giocatori. Ma anche la nostra reazione è stata motivo di orgoglio e di grande contentezza".

Hai in mente dei cambi rispetto all'ultima gara?
"Voglio vedere la rifinitura, anche domani cercherò di carpire gli ultimi particolari per capire chi è più o meno stanco. L'idea di cambiare qualcosa c'è, poi vedremo domani alla fine quanti. Ma non sconvolgerò nulla".

Che impressione ti ha fatto Retegui?
"In area di rigore dice la sua, quando ha avuto l'opportunità ha messo il suo timbro. Se continuerà con questa media, ma speriamo non domani, ci potrà dare una grande mano. Nel calcio i numeri parlano sempre e i suoi numeri sono notevoli, poi farlo sempre con la nostra Nazionale non sarà facile ma l'inizio è stato buono".

Le hanno raccontato dei precedenti dell'Italia qui a Malta?
"Speriamo possa essere una grande sofferenza anche domani... Mi hanno raccontato di quando fu espulso Baresi. Magari ogni tanto la Nazionale Italiana si approcciava a questa gara in maniera un po' morbida, ma domani non credo ci sarà questo problema. E comunque la Nazionale di Mancini è campione d'Europa in carica e ha sempre costruito un gioco propositivo, con tanti uomini all'attacco. Non credo per l'Italia ci saranno problemi dal punto di vista del portare uomini avanti e creare occasioni, noi dobbiamo essere bravi nel chiudere più spazi è possibile".

15.00 - Conclusa la conferenza stampa.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile