Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Prandelli e l'esplosione di Vlahovic alla Fiorentina: "Gli parlai chiaro. E lui dette subito risposte"

Prandelli e l'esplosione di Vlahovic alla Fiorentina: "Gli parlai chiaro. E lui dette subito risposte"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
giovedì 26 maggio 2022, 00:23Serie A
di Simone Bernabei

Cesare Prandelli è stato uno dei principali artefici dell'esplosione di Dusan Vlahovic con la Fiorentina. Lo stesso attaccante della Juventus anche recentemente ha ringraziato l'ex ct per il lavoro svolto con lui, ora tramite FirenzeViola arriva anche la risposta dell'allenatore: "Se fosse stato l'allenatore della Fiorentina, cosa avrebbe detto ai dirigenti se le avessero venduto Vlahovic a gennaio? Questo è un argomento particolare e delicato, dove entrano in ballo tante situazioni. Quando c'ero io avevo detto al club di prolungargli il contratto, ma mi avevano risposto che c'erano molti problemi con i procuratori e quindi lì mi sono fermato. Un allenatore dà un giudizio tecnico, umano, comportamentale, ma il resto non mi compete. Ognuno ha il proprio punto di vista e questo, ripeto, è un argomento molto delicato".

Dove si sente di aver inciso particolarmente con Vlahovic per portare il giocatore anche a ringraziarla più volte pubblicamente?
"Un allenatore si comporta nello stesso modo con tutti. A lui ho parlato chiaro, gli ho detto determinate cose ed ho avuto un riscontro molto molto positivo da subito. Lo stesso posso dire di Milenkovic e Igor, che sostenevo potessero giocare in una difesa a 4 quando molti dicevano il contrario, e lo hanno dimostrato quest'anno. Biraghi ha fatto una stagione straordinaria perché gli si è liberato un tappo davanti dove era difficile sviluppare gioco, poi c'è Quarta che è migliorato... In molti si sono messi in discussione e quando lo si fa diventa facile, mentre il problema è quando ci si arrocca sul vecchio modo di fare".