Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Roma-Betis 1-2, le pagelle: Abraham scelta sbagliata, Luiz Henrique entra e cambia la gara

Roma-Betis 1-2, le pagelle: Abraham scelta sbagliata, Luiz Henrique entra e cambia la garaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 7 ottobre 2022, 06:40Serie A
di Giacomo Iacobellis
fonte Dall'inviato a Madrid, Giacomo Iacobellis

Roma-Betis 1-2 (34' rig. Dybala, 40' Guido Rodriguez, 88' Luiz Henrique)

PAGELLE DELLA ROMA (a cura di Giacomo Iacobellis)

Rui Patricio 6 - Fa buona guardia sul tentativo di Luiz Henrique in chiusura di primo tempo, ma non può nulla sulla successiva rasoiata di Guido Rodriguez che vale l'1-1. Nessun intervento degno di nota nella ripresa, proprio fino al colpo di testa vincente dello stesso classe 2001 brasiliano.

Mancini 6 - Sul centrodestra non viene quasi mai impegnato né da Joaquin né da Willian José, cavandosela con una serata tutto sommato tranquilla. L'ammonizione era evitabile, sfortunato lo scontro iniziale che mette ko il suo compagno di squadra Celik.

Smalling 6,5 - Guida lo stesso terzetto difensivo della Roma che tanto bene aveva fatto con l'Inter, chiamando i movimenti ai compagni con personalità ed esperienza. I suoi centimetri si fanno sentire anche nell'area avversaria, come quando nella ripresa serve con una puntuale sponda Cristante che calcia a botta sicura sfiorando il 2-1.

Ibanez 6 - Dopo l'esordio con la Nazionale brasiliana e la vittoria in campionato contro l'Inter, il classe 1998 continua il suo periodo positivo con una prestazione senza troppe sbavature. Fra le poche note liete per Mourinho.

Celik s.v. - L'ex Lille si scontra fortuitamente con Mancini ed è costretto a uscire dopo appena 4 minuti di gioco (Dal 4' Spinazzola 5,5 - Doveva riposare, ma viene chiamato agli straordinari riprendendosi il suo posto sulla fascia sinistra. Parte forte con un paio di sgommate delle sue, poi finisce progressivamente per tirare il fiato e viene sovrastato da Luiz Henrique in occasione del gol partita).

Cristante 5,5 - Mourinho lo schiera di nuovo dinanzi alla mediana, in coppia con Matic, e lui risponde con tanta sostanza ma anche qualche errore di troppo in fase di impostazione. Per un soffio non segna il gol del 2-1 con un tiro potente che chiama Bravo al miracolo (Dall'80' Camara s.v.).

Matic 5,5 - Il fedelissimo di Mou si rivela ancora una volta prezioso nelle due fasi, provando a essere sia il primo a costruire (non sempre nel migliore dei modi) sia l'ultimo a fermare l'azione avversaria (non benissimo sul gol di Luiz Henrique).

Zalewski 6 - Doveva far rifiatare Spinazzola a sinistra, invece al 4' deve già spostarsi a destra. Non cambia nulla perché l'italo-polacco spinge a più non posso propiziando il rigore dell'1-0 e sfiorando pure l'assist per Zaniolo nel primo tempo (traversa), oltre a rivelarsi una costante spina nel fianco di Miranda durante la ripresa. Peccato che Rodri scappi via proprio a lui in occasione dell'assist dell'1-2, portando via due punti alla Roma e anche mezzo voto al classe 2002.

Dybala 6,5 - È proprio l'argentino a rompere l'equilibrio del match trasformando in maniera impeccabile un calcio di rigore arrivato per fallo di mano in area di Aitor Ruibal. Prova a caricarsi il peso della squadra sulle spalle con qualche intuizione delle sue, ma contro il Betis nessun giallorosso brilla particolarmente. Neanche la Joya (Dall'80' s.v. El Shaarawy s.v.).

Zaniolo 5 - Fra i più acclamati dai tifosi, l'ex Inter risponde con tanta voglia, un po' di egoismo e una traversa che continua a tremare anche una volta finita la partita. L'intesa con Dybala e Abraham non è ancora delle migliori, ma il calcione che porta alla sua espulsione nel recupero è davvero ingenuo e lo priverà della gara di ritorno al Benito Villamarin.

Abraham 5,5 - Sorpresa dell'ultimo minuto nell'attacco della Roma, si muove molto nel primo tempo senza però riuscire a trovare la giocata o i tempi giusti per l'inserimento in area. Un po' meglio nel secondo, anche se la difesa del Betis lo controlla sempre bene (Dal 72' Belotti 5,5 - Poco e niente. Neanche il suo ingresso permette alla Roma di scardinare la difesa biancoverde, dove Pezzella e Luiz Felipe non corrono mai grossi pericoli. Forse avrebbe fatto più comodo metterlo prima o già dall'inizio dell'incontro).

José Mourinho 5 - Schiera Abraham al posto di Belotti dal 1' e per il resto conferma l'undici paventato alla vigilia. Già al 4' deve togliere Celik e inserire Spinazzola, un cambio che comunque non rivoluziona la sua Roma. Il Betis di Pellegrini gioca meglio, mentre i giallorossi si affidano alle fiammate dei singoli e per poco non riescono a segnare il 2-1 con Zaniolo, Dybala e Cristante. Alla fine, però, sono i biancoverdi a esultare grazie a una dormita della difesa di casa e un golazo di testa di Luiz Henrique, che punisce oltremodo le idee poco chiare in fase di impostazione dei ragazzi di Mou.

PAGELLE DEL BETIS (a cura di Marco Pieracci)

Bravo 7 - Spiazzato da Dybala, al quale nega la doppietta con una un riflesso eccezionale. Benedice la traversa sul tentativo di Zaniolo, tutta farina del suo sacco la parata di puro istinto su Cristante.

Aitor Rubal 5,5 - Ala riconvertita come terzino, normale che palesi qualche difficoltà dietro. Sbaglia postura causando un rigore evitabile.

Pezzella 6 - Dosi abbondanti di mestiere per colmare con qualche trucchetto l'evidente gap in termini dinamici con le punte della Roma. Chiude in affanno ma se la cava.

Luiz Felipe 6,5 - Profumo di derby: l'entrata dura su Zalewski gli costa un cartellino giallo pesante che però non condiziona più di tanto.

Miranda 6 - Si alza insieme al suo omologo di fascia per stroncare sul nascere le iniziative degli esterni giallorossi. Zalewski non lo fa stare tranquillo. Dal 75' Alex Moreno sv

Guido Rodriguez 7 - Play illuminato, fa girare la squadra e spara una cannonata imparabile in fondo al sacco. Si concede pure il lusso di un tunnel a Matic, in quel ruolo è difficile trovare di meglio nel panorama internazionale.

Guardado 6 - Copre le spalle al compagno di mediana, muovendosi in maniera sincronizzata per non lasciare pericolosi buchi da aggredire. Dal 75' William Carvalho sv

Canales 6,5 - Regista a tutto campo, elegante nella conduzione della palla. Crea superiorità andandosi a cercare la zolla giusta con il suo sinistro raffinato.

Fekir 6 - Scambia spesso la posizione con Canales e al primo affondo stampa sul palo un sinistro velenoso prima di arrendersi di nuovo per un problema muscolare. Dal 22' Luiz Henrique 7 - Serve a Rodriguez l'assist del pareggio, poi completa la rimonta facendo un gol da urlo.

Joaquin 6,5 - Gode di grande libertà e la usa per migliorare la qualità della manovra. Non solo tecnica sublime, anche tanta corsa nella sua ora di gioco. Deve aver stretto un patto col diavolo. Dal 60' Rodri 6,5 - Da il cambio a Joaquin del quale non può avere la stessa influenza sui compagni, però fa di tutto per non farlo rimpiangere disegnando il cross del sorpasso.

Willian Josè 5,5 - Centravanti di coppa perchè in Liga non si può rinunciare a cuor leggero alla vena realizzativa di Borja Iglesias. Si allarga per non dare riferimenti fissi a Smalling, senza riuscire mai a pungere. Dal 75' Borja Iglesias sv

Manuel Pellegrini 7 - L'ingegnere non usa la calcolatrice nella scelta della formazione iniziale schierando un undici vicino a quello tipo. Sotto per l'ingenuità del singolo, trova meritatamente il pareggio. Cerca di addormentare la gara col palleggio, va un po' in difficoltà quando la Roma alza il ritmo nel finale ma è proprio nel momento di massimo sforzo dei giallorossi che trova la terza vittoria consecutiva mettendo una seria ipoteca sul primo posto.