Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Torino, da tentazione ad obiettivo: Juric vorrebbe riabbracciare Pessina

Torino, da tentazione ad obiettivo: Juric vorrebbe riabbracciare PessinaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 25 giugno 2022, 09:00Serie A
di Emanuele Pastorella

Da tentazione può diventare obiettivo concreto, da sogno può trasformarsi in trattativa: Matteo Pessina è entrato nei radar del Toro. Al momento non c’è stato alcun contatto con l’Atalanta, club che detiene il cartellino del classe 1997, ma l’operazione può decollare. Da una parte perché l’azzurro ha bisogno di rilanciarsi dopo un’annata molto deludente, dall’altra perché c’è Ivan Juric che a Verona riuscì ad esaltarlo come nessun altro allenatore. E così il nome di Pessina sta iniziando a circolare con una certa insistenza dalle parti di via Arcivescovado, con il dt Vagnati che è alla costante ricerca di almeno un giocatore con le sue caratteristiche. Il Monza sembrava in vantaggio sul ragazzo nato e cresciuto proprio in Brianza ma ha virato con decisione su Stefano Sensi, ora il Toro sta muovendo i primi passi per capire l’eventuale fattibilità dell’operazione.

Rapporto speciale
Juric è convinto di poter rilanciare uno degli eroi di Wembley dell’estate scorsa, i numeri sono dalla sua parte: Pessina segnò addirittura sette gol nel Verona del 2019/2020, dimostrandosi uno dei punti forti nello scacchiere del croato. E si rivelò anche particolarmente duttile, capace di interpretare il ruolo di centrocampista centrale nella mediana a due, di fare il trequartista dietro all’attaccante o addirittura di essere il riferimento offensivo come “falso nueve”. Poi, a Bergamo, la lenta parabola discendente, tanto che nei due anni con Gasperini ha realizzato appena tre reti, meno della metà della stagione con Juric. Mentore e pupillo, adesso, potrebbero ritrovarsi sotto la Mole, anche se la trattativa non è ancora sbocciata per davvero.