Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Il bilancio alla sosta, Genoa: Coda ancora da accendere. Ha senso criticare Blessin?

Il bilancio alla sosta, Genoa: Coda ancora da accendere. Ha senso criticare Blessin?TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 19 novembre 2022, 13:19Serie B
di Luca Bargellini

La Serie B in questo fine settimana osserverà un turno di pausa per le pause delle amichevoli delle varie Nazionali, siano esse impegnate in Qatar e siano invece non qualificate. Una pausa che permette di fare un primo bilancio stagionale, dopo 13 giornate, sull’andamento delle 20 squadre del campionato cadetto.

Genoa

Cosa va -
Al netto del fatto che in molti si attendevano un Grifo dominatore assoluto del campionato di Serie B i 23 punti in 13 giornate sono un bottino di tutto rispetto che solo l'exploit del Frosinone ha sminuito nell'importanza complessiva. A questo, poi, va aggiunto il rendimento difensivo che con appena 11 reti al passivo è il secondo migliore dell'intero torneo (al primo indovinate chi c'è...) e un percorso in trasferta che non ha eguale con 5 vittorie nelle sette gare finora disputate lontano dal 'Ferraris'.

Cosa non va -
Ovviamente le cose da sistemare anche per il Genoa non mancano. In particolare il rendimento interno che oggi è assolutamente deficitario (1 vittoria in sei match), così come la valorizzazione delle qualità da bomber di Massimo Coda. L'ex Lecce è una certezza in Serie B, uno specialista come pochi altri nella storia recente della cadetteria, ma nonostante le sue qualità e quelle dei suoi compagni di squadra, ancora non c'è stato modo di vedere quell'arma letale che negli ultimi anni ha creato problemi ad ogni rivale. Blessin nel tentativo di trovare la soluzione a questo problema ha variato in più di un'occasione le disposizioni tattiche della squadra negli ultimi 20 metri, ma senza trovare finora la formula giusta. Questo basta per mettere in discussione il tecnico rossoblù? Neanche per idea.