Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
TMW

Lecco-Como 0-3, derby senza storia. La squadra di Fabregas è terza

Lecco-Como 0-3, derby senza storia. La squadra di Fabregas è terzaTUTTO mercato WEB
martedì 27 febbraio 2024, 22:29Serie B
di Luca Cilli
fonte inviato allo stadio "Rigamonti-Ceppi" di Lecco

Poteva essere una trappola, e invece il derby in casa del Lecco è stata un’altra conferma della forza del Como. Che tecnicamente quella di Fabregas e Roberts fosse un top team per la categoria non c’era alcun dubbio, ma che avesse anche la testa da big è il tassello che fa per davvero la differenza. La partita del Rigamonti-Ceppi dura poco più di un quarto d’ora, il primo. Anzi, per certi versi la sfida non c’è mai stata. E il 3-0 rende l’idea della superiorità che si è vista in campo.

Gold(a) hour Se ogni momento è quello giusto, stappare il match subito e senza troppe attese è il massimo. Il timing di Edoardo Goldaniga (proprio sicuri che un difensore così al Cagliari non avrebbe fatto comodo?) in tal senso è semplicemente perfetto perché sa come e quando muoversi sul corner di Strefezza: anticipa tutta la fila, trova il tocco giusto e il resto è una logica conseguenza. L’1-0 non solo permette al Como di rendere il match più semplice ma scombina tutti i piani e le idee di Aglietti. Cioè linee strette e attacco a tre con dei compiti precisi come Buso a tutto gas a sinistra, Lepore meno offensivo dalla parte opposta e Novakovich a lottare fra Goldaniga e Odenthal. Il problema è che la solidità del Como rende tutto molto complicato. Una sola chance per pareggiare, il diagonale di Novakovich scivolato via pericolosamente davanti allo sguardo di Semper, poi nessuna altra concessione. Il Como invece non spreca nulla e a metà tempo fa 2-0 con Alessandro Bellemo. Altra mischia in area, altra furbata di una squadra forte in tante cose. Compreso il saper cogliere l’attimo.

Surplace e good vibes Senza stress e con la tranquillità di chi è consapevole della propria forza Abildgaard (annullato per fuorigioco di Nsame una rete bellissima per esecuzione tecnica) e Strefezza (anche lui sfiora il tris) gestiscono i tempi e le giocate, Da Cunha e Verdi tengono impegnati i difensori del Lecco e Fabregas in panchina gestisce bene le rotazioni. Peraltro tutte di altissimo livello, roba di lusso che in B farebbero ovunque una gran figura. Anche il Lecco cambia ma la differenza rispetto agli avversari è troppa, praticamente ingiocabile. Sarà più fattibile la prossima tappa che prevede l’incrocio con il Sudtirol dove servirà far punti per sperare in una complicata (ma non impossibile) permanenza in B. Se la gioca eccome invece il Como la possibilità di salire in A senza play off. In attesa del Venezia tiene il passo della Cremonese, seconda e distante solamente un passo. Tre punti e varie good vibes dunque, il massimo in un derby. Chiuso sul 3-0 dal diagonale di Abildgaard giusto un attimo prima della fine.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile