Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Palermo, Brunori: "Dalla C ero precipitato in Eccellenza. Ho capito che avrei dovuto dare di più"

Palermo, Brunori: "Dalla C ero precipitato in Eccellenza. Ho capito che avrei dovuto dare di più"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 6 agosto 2022, 10:34Serie B
di Claudia Marrone

Capocannoniere della Serie C, una valanga di record battuti e una Serie B conquistata: Matteo Brunori è sicuramente uno dei maggiori protagonisti del roboante campionato del Palermo, pronto ora a partire con il torneo cadetto.
Il giocatore si è raccontato in esclusiva a Sportweek, dove ha - tra le altre - ripercorso uno dei momenti cruciali della sua carriera: "Ho fatto un percorso tortuoso, ma sono contento perché mi ha fatto capire tante cose. Ho toccato il fondo e in quel momento ho svoltato, perché l'alternativa sarebbe stata mollare e trovarmi un lavoro. Il mio sogno era giocare a calcio e non potevo permettermi di mandarlo in frantumi. Non ne avevo il diritto. Perché avevo toccato il fondo? Perché nel 2015, dalla Pro Patria, in C, ero precipitato in Eccellenza, e non ci stavo più con la testa. In quel momento pensavo che il calcio non sarebbe stata la mia vita. Non mi sentivo pronto per giocare. Non facevo abbastanza sacrifici. Ero giovane, del mio mondo mi attraeva soprattutto l'aspetto più frivolo, quello che ti vede protagonista fuori dal campo. Stare in Eccellenza, dove si gioca per passione, mi è servito a capire che quella dimensione non mi bastava: volevo invece che il calcio fosse la mia professione. Perciò dovevo dare qualcosa in più per uscire da quel limbo".
Il resto, è storia nota.