Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Venezia-Brescia 2-0, le pagelle: Tesmmann eroe di giornata, Besaggio in ombra

Venezia-Brescia 2-0, le pagelle: Tesmmann eroe di giornata, Besaggio in ombraTUTTO mercato WEB
domenica 14 aprile 2024, 18:29Serie B
di Luca Esposito

Risultato finale: Venezia-Brescia 2-0

Venezia

Joronen 6 - Un'uscita in bello stile a fine primo tempo, poi una gara tranquillissima e chiusa con zero tiri nello specchio da parte dell'avversario.

Idzes 6 - Prova la "furbata" in occasione del gol di Sverko, ma in epoca VAR è impossibile farsi sfuggire un fallo sul portiere. Rivedibile in impostazione, solido in difesa. Dal 75' Altare sv.

Svoboda 6,5 - Grande partita da parte dell'esperto centrale, sempre ben posizionato e bravo a vincere tutti i duelli individuali. Un fondamentale anticipo su Bianchi non permette all'attaccante di presentarsi solo davanti al portiere.

Sverko 6 - Col passare delle settimane ha scalato posizioni nelle gerarchie dell'allenatore. Prova sufficiente.

Candela 7 - Ormai il voto alto non è più una novità per un calciatore destinato alla categoria superiore. Spinge di continuo e mette in grossa difficoltà Jallow e Papetti.

Busio 6,5 - Partita di grande sacrificio da parte del centrocampista, uomo ovunque in grado di recuperare palla e di giocarla con intelligenza. Come quando inventa un assist di spessore per Zampano. Dall'85' Jajalo 5 - Un calciatore della sua esperienza non può prendere un giallo al 93', sul 2-0, per un fallo inutile. E poco dopo sfiora l'autorete.

Tessmann 7,5 - L'uomo di giornata, il bomber che non ti aspetti. Il primo gol è davvero pregevole, riesce a tenere il pallone basso pur calciando al volo da 20 metri. Coefficiente di difficoltà alto. Poi fa 2-0 sfruttando una dormita generale del Brescia.

Ellertsson 6 - Non si vede molto nel primo tempo, sale di tono nella ripresa e va due volte vicino al gol. Lezzerini è decisivo e gli sbarra la strada. Dal 70' Lella 6,5 - Incide anche da subentrante, conferma del fatto che anche 20 minuti sono sufficienti per dare un contributo alla causa. Cerca il gol con un tiro da media distanza, dai suoi piedi nasce l'azione del 2-0.

Bjarkason 6,5 - Stesso discorso fatto per Busio. Generoso, in ottima condizione fisica, sempre pronto a raddoppiare le marcature sui trequartisti avversari. Dal 60' Zampano 6,5 - Entra con una incredibile carica agonistica e fa il suo nel migliore dei modi, sfiorando anche il gol.

Pohjanpalo 6 - Di stima. Perchè, da uno come lui, ci si aspetta sempre di più. Invece il primo tentativo pericoloso arriva soltanto al 60', con un colpo di testa fuori da buona posizione. Si fa preferire quando, con generosità, fa salire la squadra e prende falli in tante zone del campo.

Gytkjaer 5,5 - Non una giornata indimenticabile per le due punte che, pur ben rifornite, fanno un po' di fatica. Colpisce il palo esterno, poi poco altro. Dal 60' Pierini 6 - Il Brescia lascia spazi e Vanoli punta sulla sua rapidità. Partecipa all'azione del 2-0.

Paolo Vanoli 7 - Terzo in classifica a -2 dalla promozione diretta, tanta roba per una squadra che certo non era tra le più accreditate a inizio stagione. Gran bel secondo tempo.

Brescia

Lezzerini 7 - La combina grossa su Sverko, ma c'è fallo e l'arbitro annulla tutto. Almeno quattro parate di spessore per provare a tenere a galla i compagni.

Dickmann 5 - Sono mancate tanto le consuete sgroppate sulla fascia. Un po' molle in occasione della prima rete del Venezia, i lagunari attaccano soprattutto dalle sue parti e si fa sempre sorprendere alle spalle quando i centrocampisti di casa verticalizzano.

Cistana 5,5 - Tutto sommato regge fisicamente contro avversari più forti sotto questo punto di vista. Alti e bassi. Dall'83' Van de Looi sv.

Mangraviti 5,5 - Se abbiamo detto che i centravanti del Venezia non hanno brillato, vuol dire che i centrali biancazzurri non hanno fatto grossi danni. Nella ripresa, però, soffre di più fino al cambio forzato. Dal 62' Bjarnason 5 - Doveva alzare il baricentro della squadra, invece si è abbassato anche lui per provare a contenere gli avversari. Non ha inciso.

Jallow 5 - Grande sofferenza a cospetto di Candela, cliente assai scomodo in questa categoria. Nel primo tempo è tra i peggiori. Fa un pochino meglio nella ripresa e prova anche a sorprendere Joronen dalla distanza con un tiro insidioso.

Bisoli 5 - Anche lui fuori posizione quando Tessmann insacca e fa 2-0. Il capitano ci prova, come sempre, ma c'è troppa distanza tra i reparti e non riesce a trovare la giocata giusta per migliorare la fase offensiva.

Paghera 5,5 - Non parte nemmeno malissimo, è suo il primo tentativo verso la porta di Joronen: palla alta ma tanta intraprendenza. Poi il Venezia inizia a palleggiare e diventa dura. Resta negli spogliatoi all'intervallo. Dal 45'st Fares 5 - Un giallo, tanti palloni persi e un solo cross invitante.

Besaggio 5 - Vince il ballottaggio con Bertagnoli, tuttavia non ripaga la fiducia dell'allenatore. Sbaglia tanto, a tratti è anonimo. Sostituzione anche tardiva. Dal 75' Bertagnoli sv.

Bianchi 5,5 - Ci prova di testa da posizione defilata, il pallone termina fuori. Qualche spunto interessante e poche palle giocabili. Andrebbe innescato di più.

Galazzi 5 - Imperversa su tutto il fronte offensivo e, in alcune circostanze, è anche efficace nell'uno contro uno. Col passare dei minuti, però, perde brillantezza e cala palesemente.

Moncini 5,5 - La rovesciata nel finale, stilisticamente perfetta, non basta per raggiungere la sufficienza. Sul finire di primo tempo beffa Svoboda con una bella giocata, ma Joronen è attento.

Rolando Maran 5 - La squadra ha raggiunto virtualmente la salvezza e, per quelle che erano le premesse, può già andare bene così. Tuttavia la classifica permette di ambire a qualcosa in più. Certo, con queste prestazioni non si andrà lontano. La panchina corta è un problema evidente, ma oggi squadra davvero prevedibile e lenta nelle giocate.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile