Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

CDK è la pressione del nuovo Kakà… La favola Fabregas e Mertens triste…

CDK è la pressione del nuovo Kakà… La favola Fabregas e Mertens triste…TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 3 agosto 2022, 06:00L'Angolo di Calcio2000
di Fabrizio Ponciroli

Nella storia del Milan griffato Maldini-Massara, Charles De Katelaere è l’acquisto più oneroso. Mai si era speso tanto per un giocatore (Leao, per intenderci, è costato meno). La conferma che il belga era davvero il grande obiettivo di questa calda estate rossonera. Non ha ancora giocato un solo minuto e già si sprecano paragoni ingombranti. Scifo (ex Inter e Torino) l’ha accostato a Kakà, idolo del popolo rossonero. In tanti, a dire il vero, credono che il giovane talento 2001 ex Club Brugge sia destinato a raccogliere la pesante eredità del brasiliano. Insomma, su CDK c’è già una pressione enorme. Sarà subito “un osservato speciale”. Ad ogni giocata, arriveranno giudizi. Dopo una sola partita, potrebbe essere elogiato come nuovo crack del calcio mondiale o, se dovesse giocare male, come un investimento sbagliato. Anche se non sarà ascoltato, chiedo e spero che si possa avere la giusta pazienza. Parliamo di un ragazzo classe 2001 che, di colpo, passa dal campionato belga a quello italiano. Dal Club Brugge sbarca al Milan… Bisogna dargli modo e tempo di crescere, esattamente come è accaduto a Leao (ora vero top player del club rossonero). Per fortuna, all’interno della società rossonera, ci sono due figure che mi lasciano sereno. Uno risponde al nome di Pioli, bravissimo a far crescere i giovani. L’altro è proprio Maldini, il grande saggio del Diavolo. Insomma, CDK ha scelto il club giusto. L’importante è che non guardi troppo ai primi giudizi sommari che arriveranno. Non tutti hanno la pazienza necessaria quando si parla di giovani di talento…
Non è più un giovane di talento ma è comunque un campione. A Como è scoppiata la “CescMania”. A 35 anni, il Campione del Mondo 2010 Fabregas (tanto per citare uno dei tanti trofei vinti in carriera) ha deciso di diventare un nuovo giocatore dei lariani. Altro che Borghi, Corneliusson o Milton… Avere Fabregas con la casacca del Como è il top dei top. Una favola vera e propria e, in questo calcio sempre più asettico, fa davvero bene al cuore pensare al fenomenale spagnolo giocare in Serie B con i biancoblu. Attenzione, non è più giovanissimo (classe 1987) ma non è neanche bollito, quindi ci sarà da divertirsi (se starà bene fisicamente).
Chiudo con Mertens che, in questi giorni, ha la faccia triste. In cuor suo, sperava di terminare la carriera a Napoli, la sua città. Invece la storia d’amore con il club azzurro è finita (e anche male). Riprendersi non è facile ma necessario. E’ nato due giorni dopo Fabregas e, come lo spagnolo, ha ancora qualche cartuccia da sparare. Non so dove andrà ma, personalmente, non mi dispiacerebbe vederlo ancora in un grande club come riserva di lusso. Che scelga di restare in Italia o andarsene altrove, uno come Mertens ha ancora il suo perché nel calcio di oggi. Non essere triste Dris, il passato va lasciato alle spalle e il futuro può sempre riservare delle piacevoli sorprese. Guarda Cesc cosa ha fatto…