Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan-Inter, primo atto di un derby da raccontare ai posteri…

Milan-Inter, primo atto di un derby da raccontare ai posteri…TUTTO mercato WEB
mercoledì 10 maggio 2023, 05:50L'Angolo di Calcio2000
di Fabrizio Ponciroli

Ci sono momenti che hanno un impatto significativo sulle nostre vite. C’è un aforisma che ho sempre adorato: “I giorni indimenticabili della vita di un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno volume”. Personalmente credo (e spero) che i “giorni indimenticabili” siano molti di più nella vita di una persona ma resta il fatto che, alcuni attimi hanno un peso specifico enorme. Calcisticamente parlando, quello che stiamo per vivere è uno di quei momenti unici che meritano di essere vissuti al massimo per poterli ricordare per sempre e raccontare in eterno. Va in scena il derby d’andata tra Milan e Inter, gara valida per le semifinali di Champions League. Non è la prima volta che il mondo si gode un Euroderby. Nel 2003 eravamo nelle stesse condizioni attuali: Milan e Inter, una contro l’altra in Champions League, con in palio l’accesso alla finalissima (poi vinta dal Diavolo sulla Juventus). Tuttavia, questo nuovo appuntamento con la storia del calcio italiano (e non solo) ha più appeal, più seguito, più attenzioni… Perché? Merito (o colpa) dei social network che, minuto dopo minuto, inondano la rete di post che parlano dell’Euroderby. Una volta ci si chiudeva in sé stessi e si provava a non pensarci… Se ne parlava al bar o in ufficio ma poi c’era altro da fare o pensare. Oggi è francamente impossibile. Non si parla d’altro dal momento del sorteggio. Sui social è follia pura per il doppio derby in salsa europea.

Che Euroderby sarà? Se lo chiedono in tanti e non è affatto semplice rispondere… Sulla carta, l’Inter pare arrivarci in condizioni nettamente migliori. Non perde dal 15 aprile (in casa con il Monza), ha segnato 14 gol, subendone uno solo, nelle ultime quattro uscite in campionato e, a livello di uomini, ha ritrovato giocatori come Lukaku e Brozovic. Dall’altra parte, il Milan alterna grandi prestazioni a momenti di blackout e, fatto più grave, tutto il popolo rossonero è in ansia per capire come sta realmente Leao, l’unico insostituibile nello scacchiere di Pioli.

Tuttavia, la musichetta della Champions League è ben conosciuta dal Diavolo che, nelle grandi serate europee, sa esaltarsi come pochi altri club al mondo.
Non so chi passerà il turno ma sono sicuro che, chi uscirà sconfitto vivrà un lungo periodo di lutto sportivo. Sento, da più parti, tifosi nerazzurri e milanisti che sono disposti anche a perdere la finalissima pur di arrivarci a spese dei cugini. E’ il bello di una rivalità speciale che rende Milan e Inter due club meravigliosi. Credo che anche chi non sia tifoso delle milanesi si godrà questa sfida con la serenità di non dover soffrire ad ogni azione…

Tra 20 anni, sperando di esserci tutti, racconteremo questo Euroderby come uno dei momenti indimenticabili che hanno segnato la nostra vita calcistica. Ora, però, è il tempo di goderselo. Con chi lo guarderete? Sappiate che non dimenticherete mai con chi avete seguito l’Euroderby 2023. Per chi sarà, invece, allo stadio… tanta sana invidia sportiva!

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile