Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Bologna, il primo bilancio: non solo il cambio in panchina. Il problema è l'Arnautovic-dipendenza

Bologna, il primo bilancio: non solo il cambio in panchina. Il problema è l'Arnautovic-dipendenzaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 20 settembre 2022, 12:45Serie A
di Marco Conterio

Stagione non certo facile quella del Bologna che è già passato di mano: da Sinisa Mihajlovic a Thiago Motta, tra le polemiche e uno stile non certo impeccabile del club, stante anche la difficile situazione di salute del tecnico serbo. L'avventura dell'ex tecnico dello Spezia è iniziata male, con un ko interno contro l'Empoli. Adesso la sosta sembra perfetta per ripartire: lo farà cambiando tattica, con la retroguardia a quattro e un grande riferimento d'attacco. Ovviamente, il migliore della stagione rossoblù.

Il migliore - Marko Arnautovic
Segna praticamente solo lui. In tutta la stagione, 6 reti su 8 complessive (le altre di Barrow e Sansone), sintomo che la squadra è Arnautovic-dipendente. Sin troppo. Doveva andare via in estate, visti i gol e i risultati è una benedizione che non abbia lasciato Bologna. Serve molto di più ora dalla squadra ma non certo dal numero nove trentatreenne.

La delusione - Adama Soumaoro
Arrivato come leader per la difesa, in quest'annata nei tre non è riuscito a confermare le aspettative con Sinisa Mihajlovic. Da capire che ruolo avrà ora con Thiago Motta, se perderà i galloni da titolare o se si giocherà il posto con Stefan Posch e Jhon Lucumì. Nel primo caso, vista anche la presenza di Kevin Bonifazi e di Gary Medel (che dietro però gioca solo da centrale in una difesa a tre), non è da escludere l'addio a gennaio.

La rivelazione - Denso Karius
Capitan Lorenzo De Silvestri è il titolare inamovibile nel ruolo ma di fatto l'olandesino, diciannove anni, lo sta insidiando e sta cercando di ritagliarsi il proprio spazio. 336' totali di quantità e qualità. Un buon giocatore che sta imparando rapidamente anche la tattica del nostro campionato.

Primo piano
TMW Radio Sport