Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Conte allo scoperto: "Ritorno alla Juventus? Puoi sempre sognare di sposarti un'altra volta..."

Conte allo scoperto: "Ritorno alla Juventus? Puoi sempre sognare di sposarti un'altra volta..."TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 24 novembre 2023, 16:53Serie A
di Tommaso Bonan

Otto mesi dopo l'addio al Tottenham, Antonio Conte ha cominciato a guardarsi intorno, in cerca di una nuova avventura "che mi possa ridare le emozioni che cerco". Lo ha sottolineato lo stesso allenatore in occasione di un evento organizzato dall'Università del Salento, in cui l'ex ct ha ricevuto il premio “Sport Soft Skills” e dove ha parlato (anche) del suo futuro.

Reduce dall'esperienza a Londra, la seconda dopo quella tra il 2016 e il 2018 con il Chelsea, Conte non ha escluso la possibilità di tornare in Serie A e, nello specifico alla Juventus, dopo gli approcci dello stesso Napoli nelle scorse settimane. "I matrimoni si fanno in due, puoi sempre sognare e sperare di sposarti un’altra volta – ha risposto il salentino dopo la domanda di uno studente -. L’importante è che ci sia condivisione di pensiero. Ora però voglio vivere a pieno il mio tempo libero, continuando a studiare per ampliare le mie conoscenze".

Conte ha poi raccontato quello che vorrebbe dalla sua nuova esperienza: "Dovesse capitare qualcosa di importante, che mi dà le emozioni di cui ho bisogno, certamente tornerò a lavorare. Ero un calciatore bravo, mi do un 8, e lo sono diventato grazie al lavoro, alla perseveranza e alla resilienza, alla voglia di migliorarmi sempre. Ero bravo ma non ero un fuoriclasse, perché la mia prestazione era di corsa, sacrificio, sudore. Da allenatore, invece, mi riconosco quel talento che non avevo da calciatore".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile