Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

Era una partita da vincere, la Juve l’ha persa. Allo Stadium passa il Sassuolo

Era una partita da vincere, la Juve l’ha persa. Allo Stadium passa il SassuoloTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 28 ottobre 2021 06:45Serie A
di Simone Dinoi
fonte inviato all'Allianz Stadium

Massimiliano Allegri l’aveva ripetuto più e più volte: la Juventus doveva vincere col Sassuolo per confermare il buon punto di Milano. C’era solo un risultato da portare a casa davanti ai 18mila tifosi che nel tardo pomeriggio di ieri hanno popolato l’Allianz Stadium, ma a festeggiare a fine partita sono stati i 16 del settore ospiti che si sono goduti una notte che entra di diritto nella storia del Sassuolo. A Torino passa la squadra di Dionisi grazie alla rete di Frattesi e, all’ultimo istante, di Maxime Lopez intervallata dal pareggio di McKennie.

Dybala unica luce, Morata impalpabile.
Paulo Dybala ha stretto i denti, nella gambe dell’argentino c’era poco più di un’ora ma anche la sfida con il Sassuolo ha dimostrato quanto, anche non in condizione, la Joya sia fondamentale per questa squadra. In una serata in cui Chiesa si fa prendere un po’ troppo dalla voglia di incidere, il numero 10 si prende la Juve sulle spalle, fa girare il pallone, colpisce un paio e serve l’assist a McKennie. Non basta però, anche il suo talento necessita di supporto. Che non arriva da Morata, il peggiore in campo di Madama: non controlla la sfera facendo salire la squadra, mai ficcante sottoporta. Allegri lo sostituisce quasi “per disperazione”, e se la Juve non ha un problema offensivo poco ci manca (solo 14 i gol in 10 partite).

Troppa frenesia.
La Juve ha perso la calma, a tratti anche troppa, quando il più sembrava fatto, ossia riacciuffare la gara: “Una volta fatta il pari, - ha commentato Allegri in conferenza stampa, - ci siamo disordinati e questo ha fatto sì che abbiamo preso il gol all'ultimo. Questa è una cosa che non deve accadere più perché quando non riesci a vincere non devi perdere perché nel computo finale un punto può pesare nella stagione anche se oggi sembra niente”. La Juve deve lavorare su se stessa con grande attenzione perché la guarigione totale, a oggi, è ancora molto lontana.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000