Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
esclusiva

Verza: "Juve, ripartire dalle fondamenta. Serve programma per tornare vincenti"

ESCLUSIVA TMW - Verza: "Juve, ripartire dalle fondamenta. Serve programma per tornare vincenti"TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 20 maggio 2022, 19:05Serie A
di Lorenzo Marucci

Fiorentina-Juventus alle porte. Ne abbiamo parlato a Tuttomercatoweb.com con Vinicio Verza, ex calciatore bianconero. "La squadra di Italiano - dice - giocherà con un altro spirito, rivolto al tentativo di entrare in Europa, però la Juve non credo lasci la partita, non è nel carattere dei bianconeri abbandonare la componente competitiva. Sarà una gara comunque combattuta, poi dipende anche dalla formazione che sceglierà Allegri. Chi ha tutto da guadagnare è la Fiorentina".

Che pensa delle strategie di mercato della Juve tra parametri zero e giocatori vincenti?
"Giocatori vincenti... Ronaldo era un vincente ma alla Juve non ha vinto quel che la Juve si aspettava. Possono acquistare giocatori con un curriculum di tutto rispetto ma devi metterli in un contesto giusto. Per me la Juve deve ripartire dalle fondamenta; Chiellini se ne va e Bonucci abbiamo visto che ha perso molto rispetto agli ultimi anni. Occorre ripartire dalle basi, dalla difesa".

Di Maria, Pogba...
"Guardi, penso al grande Rivaldo che al Milan inizialmente fece panchina: il nostro campionato resta il più difficile al mondo e quindi giocatori che sono fenomeni in altri campionati trovano qui enormi difficoltà. La Juve come società non è più quella di Boniperti dove c'erano qualità straordinarie: non cercavano fenomeni ma tutti gli italiani erano giocatori che si completavano l'uno con l'altro. Negli ultimi anni però è stata persa questa qualità e le strategie non sono state quelle che si aspettavano i tifosi e che dovevano essere fatte. Servirebbe un programma magari per vincere non subito, con un paio di anni di attesa, con giocatori che possano maturare e assicurare un bell'avvenire. Quest'anno c'è stato i risultati sono stati deludenti".

© Riproduzione riservata