Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Gol, record su record e un 2021 on the rocks. Tutti i (clamorosi) numeri di Dusan Vlahovic

Gol, record su record e un 2021 on the rocks. Tutti i (clamorosi) numeri di Dusan VlahovicTUTTOmercatoWEB.com
© foto di TuttoSalernitana.com
domenica 26 dicembre 2021, 10:30Serie A
di Tommaso Bonan

Un'autentica macchina da gol. Non c'è altro modo - numeri alla mano - per definire Dusan Vlahovic. L'attaccante della Fiorentina, restando alle mere statistiche e dunque senza contare quanto il giocatore sia cresciuto anche dal punto di vista delle prestazioni - ha chiuso il 2021 con 33 reti siglate in Serie A (17 gol nella passata stagione dalla 15esima giornata in poi e 16 gol nel girone d'andata della Serie A 2021/22), eguagliando il primato stabilito nella massima serie del calcio italiano nel 2020 con Cristiano Ronaldo nella Juventus (al secondo posto Immobile con 24). Alla fine del girone di andata, il 21enne serbo è il capocannoniere della Serie A con 16 gol in 20 partite di campionato, da sommare ai 2 in altrettante partite di Coppa Italia.

61 anni dopo. Un record che fa il paio con quello già registrato il mese scorso, quando grazie al sigillo contro l’Empoli, Vlahovic aveva superato Kurt Hamrin per reti realizzate nell'anno solare con la casacca della Fiorentina, primato che nella storia del sodalizio toscano resisteva da 61 anni.

Impressionante. Ad impressionare è anche la continuità realizzativa: nelle prime 18 giornate di Serie A, Vlahovic ha timbrato il cartellino in ben undici partite differenti, con una tripletta contro lo Spezia, tre doppiette (Atalanta, Salernitana e Milan) e cartellino timbrato una volta contro Torino, Udinese, Cagliari, Empoli, Sampdoria, Bologna e Sassuolo. Proprio contro gli emiliani, la punta della nazionale serba ha portato a sei il numero delle partite consecutive nelle quali è andato a segno: traguardo che eguaglia, nella storia della Fiorentina, quello raggiunto da Chiesa e Toni, ed avvicina quello stabilito da Batistuta che era arrivato a quota 11.

Un altro tipo di numeri. Un anno fa, di questi tempi, Vlahovic stava segnando un gol alla Juventus, raggiungendo quota 4 reti in Serie A. Da lì in poi, l'ascesa inarrestabile fino ad oggi. Dove da una parte c'è una Fiorentina lanciatissima verso l'Europa, e dall'altra un giocatore che - suo malgrado - sta facendo parlare di sé anche fuori dal campo. Il suo contratto va in scadenza a giugno del 2023 e il rinnovo dell'accordo è oggetto di discussione con il club da diverse settimane: insomma, altri tipi di numeri, ma altrettanto importanti.

Primo piano
TMW Radio Sport