Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Kean, ritorno alla Juve da dimenticare: il futuro può essere lontano da Torino

Kean, ritorno alla Juve da dimenticare: il futuro può essere lontano da TorinoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 25 maggio 2022, 06:45Serie A
di Simone Dinoi

Pensare al presente per programmare il futuro. Nell’incontro post termine della stagione più volte decantato dallo stesso Massimiliano Allegri, logicamente non il primo considerato che la Juve ha staccato la spina con largo anticipo, gli argomenti di discussione saranno i più disparati: dalla problematica infortuni, ai limiti caratteriali della squadra fino al calciomercato che servirà per rafforzare la rosa e puntare allo scudetto il prossimo anno. Tra i nomi in bilico, c’è quello di Moise Kean che, argomento di discussione verso la composizione del pacchetto offensivo del prossimo anno.

TMW - Juve, i verdetti della stampa: Kean delusione, Miretti rivelazione

Un ritorno da dimenticare: in fondo alla gerarchie di Allegri.
Non è mai scoccata la scintilla quest’anno fra la Juventus e Moise Kean. Se n’era andato, direzione Premier League, con il retrogusto amarognolo per il prodotto del settore giovanile bianconero abbandonato, forse, troppo facilmente ma il ritorno a casa, al momento, non ha regalato sensazioni positive a nessuna delle parti coinvolte. 42 presenze stagionali per il nativo di Vercelli ma solo 1.375 minuti all’attivo con 6 reti e 3 assist realizzati. Una media gol neanche così male ma un utilizzo limitato: Kean è stato infatti il diciottesimo giocatore per minutaggio utilizzato da Allegri, più di lui anche Bentancur ceduto a gennaio al Tottenham. Primo anno da dimenticare e da mettere velocemente alle spalle con una forte incognita sul fatto che possa essercene un secondo nel capoluogo piemontese.

Con l’Everton ancora un anno di prestito: diverse ipotesi al vaglio.
Un presupposto, da non sottovalutare: Moise Kean è un CTP (Club Trained Player) che permette dunque alla Juve la possibilità di iscriverlo alla lista UEFA senza togliere il posto a un altro giocatore. Qualcosa di raro da tenere in conto nella costruzione di una rosa. Da qui tutti i ragionamenti successivi, compresi quelli dell'attaccante non contento della gestione di quest’anno. Da un lato l’accordo con l’Everton che prevede un ulteriore anno di prestito prima di un obbligo (al raggiungimento di determinate condizioni) di riscatto nell’estate del 2023 a 28 milioni di euro. Dunque, se le strade decidessero di separarsi, la Juventus con tutta probabilità dovrà anticipare il riscatto andando poi a trattare con un altro club. I soliti sondaggi inglesi più l’interesse del Paris Saint-Germain mai sopito. Tutto in divenire con la certezza che questa prima stagione di ritorno a casa di Moise Kean vada messa rapidamente alle spalle.

Primo piano
TMW Radio Sport