Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Le pagelle del Sassuolo - Si salvano Berardi e Pinamonti, Defrel e Raspadori divorati da Bremer

Le pagelle del Sassuolo - Si salvano Berardi e Pinamonti, Defrel e Raspadori divorati da BremerTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 15 agosto 2022, 22:45Serie A
di Patrick Iannarelli

Juventus - Sassuolo 3-0

Consigli 6 - Beffato da un pallonetto velenoso, può far poco pure su calcio di rigore. È uno dei pochi che prova a non mollare la presa, ma il terzo gol taglia completamente le gambe ai suoi.

Muldur s.v. (Dal 7’ Toljan 5 - Inizia col piede giusto buttandosi sul binario esterno con convinzione e costanza. Poi Cuadrado e Alex Sandro iniziano a cooperare e per l’esterno tedesco iniziano i guai. Con Kostic in campo la situazione non migliora per niente).

Ayhan 5,5 - Morde sulle caviglie di Di Maria, malmena anche Vlahovic: la grinta però arriva fino a un certo punto, quando i due attaccanti bianconeri iniziano a svariare fa di tutto per reggere l’urto. Nella ripresa cancella una buona prestazione con un errore grossolano: la distruzione dal basso colpisce ancora.

Ferrari 5 - Due disattenzioni fatali. Prima non scala e si abbassa troppo, portando Rogerio a sganciarsi da Di Maria, libero di calciare in porta. Poi si allaccia con Vlahovic e concede un rigore parecchio ingenuo.

Rogerio 5 - Di Maria gli fa venire gli incubi, El Fideo lo beffa quasi sempre. In velocità viene sverniciato, quando è fermo sul posto il risultato non cambia.

Frattesi 5 - Uno, due, tre appoggi sbagliati: gli manca l’ultimo passaggio, ma pure il penultimo: si sbatte, per carità, ma gli errori sono troppi. La reazione arriva troppo tardi. Dall’81’ Ceide s.v.

Henrique 5,5 - Dionisi prova a dargli l’input giusto, ma anche verticalizzando fatica parecchio: tenta una mezza conclusione improvvisa nella ripresa, ma Perin controlla senza nessun problema.

Berardi 6 - La rasoiata a pescare Defrel va messa nel manuale dei passaggi perfetti. Il problema è uno solo, predica nel deserto: quando i suoi non lo seguono si incaponisce nei tiri, ma alla fine è l’unico che prova a combinare qualcosa.

Thorsvedt 5,5 - La qualità non manca e si vede in alcuni passaggi, ma la timidezza è ancora troppa: nel secondo tempo scrolla via dalle spalle la poca sicurezza, ma non basta per ribaltare l’inerzia del match. Dall’81’ Harroui s.v.

Kyriakopoulos 6 - Aiuta in entrambe le fasi, si sbatte e cerca anche di aprire spazi rientrando sul campo e creando superiorità. Un buon lavoro come Berardi, suo dirimpettaio, ma entrambi non vengono seguiti dai compagni. (Dal 59’ Pinamonti 6 - Col senno di poi meglio schierarlo dal primo minuto. Dà presenza fisica contro un Bremer già ambientatosi tra le fila bianconere, sfiora anche il gol).

Defrel 5,5 - Si sbatte e si mette a disposizione, si muove e prova ad eludere la marcatura di Bremer e Bonucci. Ha due occasioni chiare, nitide, ma non le sfrutta. Entrambe pesano parecchio visto il punteggio finale, poi si eclissa e i due centrali lo annientano. (Dal 46’ Raspadori 5 - L'ex Torino lo divora: si abbassa, tenta il movimento ad elastico, ma non si vede praticamente mai. Cambia pochissimo anche quando Dionisi lo dirotta sulla corsia mancina).

Alessio Dionisi 5 - La scelta del centravanti di movimento nell'undici titolare è già un segnale parecchio evidente, Bremer e Bonucci disinnescano prima Defrel e poi Raspadori. Fino al primo gol bianconero i suoi hanno espresso un buon calcio, ma non basta per imporsi contro una Juventus esperta e di qualità.