Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Lecce, Mencucci: "Serve il giusto mix per garantire a Corvino le finanze per costruire il sogno"

Lecce, Mencucci: "Serve il giusto mix per garantire a Corvino le finanze per costruire il sogno"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
martedì 17 maggio 2022, 14:53Serie A
di Tommaso Bonan

Questa mattina, presso la sala stampa dello stadio Via del Mare, il presidente del Lecce, Saverio Sticchi Damiani, ha presentato il nuovo amministratore delegato del club, Sandro Mencucci: "Non amo gli slogan - le parole di Mencucci riportate da calciolecce.it - soprattutto in conferenza stampa, e non vorrei essere scontato, ma vorrei costruire un sogno che si concretizza su basi solide. Qui ci sono tutte le caratteristiche per farlo. Quest’anno abbiamo l’opportunità di contare sulle entrate della Serie A, ma poi ci sono gli ingaggi da pagare dei calciatori e dovremo essere intelligenti per trovare le occasioni migliori da prendere, riducendo, ma senza troppa fretta, il monte ingaggi. Serve il giusto mix per garantire a Corvino le finanze per costruire il sogno. Da qui è stato formalizzato l’incarico triennale in cui ci sarà nell’ordine la partenza, il sostentamento e il consolidamento".

"Ripetere qui il lavoro fatto alla Fiorentina? Serve pensare alla realtà dei numeri - continua Mencucci -. La classifica va a braccetto col monte ingaggi. Qui avremo un fatturato di circa 45 milioni, ma dovremo competere con chi dispone di 100 o 200. La cosa migliore da fare allora è essere un società seria, gestita seriamente, a medio termine auto-sostenibile, trovando grandi talenti giovani da portare in prima squadra e vederli poi campioni, come Bernardeschi e Chiesa ad esempio, che considero miei figli. Perciò mi piace anche parlare di Settore Giovanile".