Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Manna verso il Napoli? Da Lugano lo ricordano così: "Il suo talento si vedeva già all'epoca"

Manna verso il Napoli? Da Lugano lo ricordano così: "Il suo talento si vedeva già all'epoca"TUTTO mercato WEB
martedì 2 aprile 2024, 21:08Serie A
di Tommaso Bonan

Classe 1988, campano di Vallo della Lucania, Giovanni Manna può avvicinarsi a casa. L'attuale dirigente bianconero, ufficialmente oggi Head of First Team della Juventus, è infatti il nome più quotato per guidare il nuovo corso del Napoli.

Chi è Manna. Uno che ha fatto scuola dai migliori, tanto per cominciare. Nel 2019 furono infatti Fabio Paratici e Federico Cherubini a volerlo alla Juventus. In precedenza, Manna aveva lavorato a Forlì, per poi trasferirsi in Svizzera, al Lugano, dove pur con un budget ridotto era riuscito a centrare la qualificazione all'Europa League. Con la nascita della seconda squadra della Juventus, ecco poi la chiamata a Torino. È proprio nella Juve-B, prima Under 23 e oggi Next Gen, che Manna si è fatto apprezzare più di tutto in bianconero. Insieme a Matteo Tognozzi, già dal 2017 riferimento per lo scouting juventino, e sotto la guida di Cherubini, Manna è stato tra i "cervelli" centrali per costruire il nucleo giovane della Juve di oggi e del futuro, tesoretto sia sul campo che sul mercato. Tante le intuizioni da segnalare, su tutti gioiellini come Soulé, Miretti, Barbieri, Correia, Aké, Barrenechea e Iling-Junior. Con il terremoto della scorsa stagione Manna, solo lambito dalla vicenda plusvalenze, ha dapprima preso le redini del mercato bianconero - sua per esempio la firma sull'operazione che ha portato a Torino l'esterno Timothy Weah - per poi essere "promosso" al ruolo di vice di Giuntoli, approdato all'ombra della Mole dopo un lunghissimo corteggiamento.

Il direttore finanziario del Lugano, Michele Campana, ha rilasciato un'intervista a Kiss Kiss Napoli proprio per parlare del possibile arrivo di Manna al Napoli: "Ci ha lasciato 5 anni fa Manna, immagino abbia imparato tantissimo fino ad oggi. Ci ha raggiunto all'età di ventisei anni e sin dall'inizio Giovanni è riuscito a rubare il lavoro. E' arrivato come team manager, Zeman lo prese come punto di riferimento all'interno dello spogliatoio. Poi l'anno seguente, il presidente Renzetti gli ha dato fiducia, lui suggeriva dei prestiti e lavorava con gli agente fino a quando è diventato direttore sportivo. Ai tempi il presidente aveva sempre l'ultima parola e non dava troppa libertà al diesse, ma la prima scelta importante di Manna fu quella di portare a Lugano mister Tramezzani che fece sette mesi impressionanti qualificandosi per la fase a gruppi dell'Europa League. E' molto attento al mondo dei giovani, quando era a Lugano fu uno dei primi nel nostro sistema formativo a voler incontrare tutti i ragazzi dall'Under 16 all'Under 18 per capire chi potesse avere un futuro da professionista. Il suo talento si vedeva già all'epoca, ha tanto intuito. E' un giovane rampante che si è costruito la fiducia di chi gli stava intorno. Lui crea relazioni e se ha fatto questo percorso vuol dire che ora è arrivato il momento di fare quel passo in più e di prendersi quelle responsabilità che potrebbe prendere a Napoli".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile