Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Mauro su Fiorentina-Inter: "I rigori non c'erano, il VAR non c'entra nulla col calcio giocato"

Mauro su Fiorentina-Inter: "I rigori non c'erano, il VAR non c'entra nulla col calcio giocato"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
domenica 23 ottobre 2022, 23:30Serie A
di Alessandra Stefanelli

Sulle colonne di Repubblica, l’ex calciatore Massimo Mauro commenta così il match vinto ieri per 4-3 dall’Inter sul campo della Fiorentina: “I primi venti minuti dell’Inter sono stati da grandissima squadra. Ma commentando la partita di Firenze vorrei partire sui due rigori, anche se ormai non meraviglia più niente. Dimarco scivola dopo che Bonaventura aveva già tirato, quindi la decisione di assegnare il rigore non ci stava proprio. Ma pure il rigore per l’Inter non ci stava. Sono rigori da Var, che con il calcio vero e giocato hanno poco a che vedere: ma l’ho detto mille volte, le regole di oggi sono queste e dobbiamo conviverci. La partita non può essere definita bella, troppi errori".

E ancora: "La Fiorentina gioca uomo contro uomo ma non se lo può permettere contro le grandi: troppo debole in difesa e a centrocampo, l’Inter poteva fare 8 gol. Inzaghi forse ha avuto paura di vincere, si è messo troppo in difesa e l’Inter ha smesso di giocare: ma se nel recupero oltre al gol i nerazzurri hanno creato due occasioni oltre al gol fatto, significa che la squadra ha un potenziale enorme e deve credere di più nelle proprie capacità. Ribadisco, questa squadra non mollerà fino all’ultimo nella lotta per lo scudetto".