Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, Ibrahimovic: "Raiola era tutto per me. Se sto così giocherò ancora per qualche anno"

Milan, Ibrahimovic: "Raiola era tutto per me. Se sto così giocherò ancora per qualche anno"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 27 febbraio 2023, 00:16Serie A
di Alessandra Stefanelli

Intervistato da ‘Pressing’ su Italia 1’, l’attaccante del Milan Zlatan Ibrahimovic parla così nel giorno del suo rientro in campo nel 2-0 contro l’Atalanta: “C’è grande emozione, erano un anno e due mesi che non riuscivo a giocare a calcio come volevo, che non stavo bene. Prima ho sofferto tanto, sia per quello che è successo con Mino Raiola che per le mie condizioni fisiche. Non era facile, adesso essere in campo è molto bello. Oggi ero un po’ nervoso, ma ho grande fiducia e grande sicurezza in me stesso. Da quando sono rientrato in squadra sono stato sicuro di poter fare ancora la differenza e di poter trasmettere la mia sicurezza ad altri. Non era un momento felice quando sono rientrato, ma nelle ultime tre-quattro partite stiamo giocando molto bene. Ma dobbiamo continuare e non essere soddisfatti perché basta una sconfitta per rimettere tutto in discussione. Intanto, però, oggi ce la godiamo”.

Il Napoli?
“Stanno facendo molto bene, hanno un grande allenatore che non ha mai vinto lo Scudetto ma quest’anno può farcela. Lo merita, Spalletti ha fatto tanto per il calcio italiano ma vincere lo Scudetto per un italiano è il massimo. Quest’anno è suo e del Napoli”.

Raiola per lei era fondamentale.
“Per me era tutto, l’ho già spiegato più volte. Era un rapporto incredibile, era la persona che mi attaccava ma che al tempo stesso mi faceva rialzare, mi faceva sempre sentire fame. Mi ‘manipolava’ bene mentalmente, era tutto per me. Adesso sto passando un periodo di professionismo calcistico senza di lui, mi sembra un po’ strano. Ma questo mi dà la forza per continuare: se oggi ci fosse stato lui sarebbe stato fiero di me”.

Ha avuto anche lei per un attimo la paura di non riuscire a tornare come stasera?
“La verità è che fino a tre settimane fa le sensazioni non erano positive, poi è successo qualcosa e ho fatto in tre settimane di più che negli ultimi otto mesi. Ero sempre limitato perché il ginocchio era gonfio, ma ho esperienza con l’altro ginocchio, so che serve tempo e pazienza”.

Ci fa il regalo di rimanere anche nella prossima stagione per segnare il gol da record in Champions?
“Ti faccio questo regalo”, ha detto rispondendo a Pellegatti. “Se sto come sto oggi continuo a giocare ancora qualche anno, non solo l’anno prossimo”.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile