Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
TMW

Premio Bearzot, Inzaghi: "Spero di vincere ancora all'Inter. Futuro? Nessun problema"

Premio Bearzot, Inzaghi: "Spero di vincere ancora all'Inter. Futuro? Nessun problema"TUTTO mercato WEB
lunedì 15 aprile 2024, 14:47Serie A
di Lorenzo Di Benedetto
fonte da Roma, Lorenzo Beccarisi

Il tecnico dell'Inter, Simone Inzaghi, ha ricevuto a Roma il Premio Bearzot 2024 e ha risposto ad alcune domande dal palco. Queste le sue parole raccolte da TMW: "Buongiorno a tutti, chiaramente per me è sempre emozionante tornare qui a Roma in una sala magnifica come questa, con una grandissima platea e ricevere un premio così importante è motivo di orgoglio. Vorrei condividere questo premio con chi mi ha permesso di riceverlo, in primis la mia famiglia. La mia società rappresentata qui da Marotta, tutto il mio staff che mi accompagna da quando ho iniziato ad allenare e poi tutti i miei giocatori che mi hanno permesso di essere qui. Voglio dedicare un pensiero ai ragazzi che sono qui, vedendo le immagini del 1982 mi è tornato in mente quando con mio fratello sognavamo di diventare Paolo Rossi. Abbiamo sempre creduto nel nostro sogno, mio fratello è riuscito anche a vincerlo un Mondiale. Con il sacrificio si può arrivare a tutto. Noi sappiamo quello che abbiamo fatto dal 13 luglio, da quando siamo partiti per questa stagione. Siamo vicini al traguardo che sognavamo, in molti non ci pronosticavano ma sapevo di avere un gruppo solido, una società importante alle spalle e un pubblico meraviglioso. Abbiamo avuto passaggi a vuoto negli anni scorsi, quest’anno meno, ma i tifosi ci sono sempre stati vicini".

Resterà all'Inter il prossimo anno?
"Io posso dire quello che provo, l’Inter mi ha dato tanto in questi tre anni perché abbiamo fatto un grandissimo percorso, siamo cresciuti insieme e tutta la società ha fatto questo lungo percorso. Abbiamo vinto tanto, speriamo di vincere ancora. Io sto bene, ho una società forte alle spalle, è normale che a fine anno ci siederemo a parlare e non ci saranno problemi a continuare questo percorso”.

Quanto dispiacere ha per l’eliminazione dalla Champions?
"Chiaramente è una domanda giusta, vorrei solo pensare a tre anni fa con l’Inter che non entrava agli ottavi da 11 anni. Sono tre anni consecutivi che siamo tra le migliori 16 d’Europa, lo scorso anno abbiamo fatto un percorso lungo e magnifico che ci ha portato alla finale di Istanbul. Volevamo ripetere il percorso anche quest’anno, sappiamo che però non si possono ripetere le imprese. Abbiamo giocato con una squadra che in Europa da dodici anni è tra le migliori otto d’Europa, posso solo ringraziare i miei giocatori. Volevamo i quarti, ma abbiamo affrontato un’avversaria come l’Atletico che si è qualificata".

I tecnici italiani hanno da insegnare all’estero?
“Sappiamo tutti quanto i tecnici italiani siano stimati all’estero. Posso dire che abbiamo affrontato il Real dopo due mesi che ero all’Inter e abbiamo fatto una delle 7/8 partite più belle da quando sono all’Inter. Ce la siamo giocata col Real, ce la siamo giocata 9 mesi fa con il City e quindi possiamo dire di essercela giocata alla pari con le migliori d’Europa”.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile