Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Pres. Lecce: "Ci offende chi dice che non abbiamo soldi. Mercato? Stiamo dando il massimo"

Pres. Lecce: "Ci offende chi dice che non abbiamo soldi. Mercato? Stiamo dando il massimo"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 9 agosto 2022, 16:07Serie A
di Andrea Piras

Il presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani è intervenuto oggi in conferenza stampa a margine della presentazione degli sponsor: "Stiamo affrontando una sessione di mercato molto difficile, possiamo garantire ai nostri tifosi che stiamo compiendo il massimo dei nostri sforzi e chiediamo solo pazienza per le varie difficoltà che si manifestano attraverso diversi fattori. Posso garantire anche che gli sforzi economici ci sono eccome, quando sentite parlare di costo zero dovete capire che non è mai davvero così, per fare un esempio - riporta CalcioLecce.it -. I nostri direttori stanno portando avanti un ottimo lavoro. Manca qualcosina dietro ed arriverà, poi negli ultimi giorni si potranno fare altri interventi utili e di spessore. Andiamo avanti con fiducia e senza fretta, perché da un lato capiamo assolutamente la fretta che hanno i tifosi ma dall’altra non possiamo sbagliare scelte. Tanti hanno già emesso sentenze più definitive della cassazione dopo una sola uscita ufficiale con il Cittadella, contro cui abbiamo giocato con elementi nuovi. Non bisogna far finta che non ci siano anche altre squadre di A che, nonostante i minori movimenti, abbiano comunque perso in Coppa Italia. Noi volevamo passare il turno ma bisogna prenderne atto e puntare a fare meglio in futuro con fiducia nel proprio lavoro. Abbiamo incrementato il numero di abbonati nonostante l’aumento dei prezzi rispetto a due anni fa, quando c’erano tariffe irrisorie al contrario di ora che ci siamo uniformati alla Serie A. Il seguito che abbiamo aggiunge grande valore al nostro club assieme al fatto che non condividiamo posizioni debitorie che invece hanno la maggior parte delle società di A. In Serie A tanti sono tecnicamente falliti, noi vogliamo mantenere pulito e solido il Lecce a costo di avere un giocatore in meno. Dire che il club non ha soldi è un passaggio offensivo oltre che non esatto, noi semplicemente utilizziamo i nostri soldi e non quelli delle banche, dunque quello è un concetto che non mi piace e non è vero. Infatti appena il socio di maggioranza si è tirato indietro l’operazione è stata assorbita senza le minime ripercussioni, senza modificare di un centesimo il budget. Questo budget era lo stesso già prima dell’addio del socio. Questo spesso passa in cavalleria perché conta più avere un centrale in più, ma non è così. Quando io non potrò più assolvere a quest’impegno c’è chi lo farà al posto mio senza problemi vista la salute del club, magari anche all’interno del club stesso. Non dimentichiamo che i nuovi soci sono partiti con una piccola quota semplicemente per conoscere il contesto dall’interno, è la prassi. Anche gli sponsor potrebbero rilevare le quote. In questi anni nessun fondo americano, di quelli che spopolano in A, si è fatto sotto, preferiscono i club pluriindebitati del nord. Noi ci lamentiamo del Cittadella, ma tutti al sud vorrebbero stare al posto nostro, ricordiamocelo. La mia vera preoccupazione è che molti dei tifosi non siano pronti ad accettare ed affrontare le sconfitte che arriveranno. Se sono arrabbiati ora, cosa faranno dopo 5 sconfitte di fila? Anch’io sono incazzato, lo sono sempre quando il Lecce perde e volevo passare il turno di Coppa. L’obiettivo, però, dopo 5 ko non si distrugge ed i 20mila, ma non solo, dovranno aiutarci in questo senso. Lo scorso anno non perdevamo mai, quest’anno si perderà, bisogna capirlo. Dobbiamo fare di tutto noi come società per costruire la miglior squadra possibile, ma la gente ci deve dare una mano perché è nella sconfitta che si costruisce la salvezza".