Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
Live TMW

Roma, De Rossi: "Ndicka, l'elettrocardiogramma ci ha detto che stava avendo un infarto"

Roma, De Rossi: "Ndicka, l'elettrocardiogramma ci ha detto che stava avendo un infarto"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 17 aprile 2024, 12:46Serie A
di Dario Marchetti
Premi F5 per aggiornare la diretta!

12.45 - Daniele De Rossi rompe il silenzio stampa indetto dalla Roma per il caso Ndicka e torna a parlare alla vigilia della sfida di Europa League con il Milan. Di seguito le sue parole:

Lezione di umanità per la vicenda Ndicka?
"Sta bene ed è la cosa più importante. Penso che ognuno ne tragga l'insegnamento che vuole trarne se c'è. Abbiamo ricevuto complimenti per una cosa normale. Abbiamo fatto quello che ci sembrava automatico fare. Se qualcuno vuole trarne un insegnamento vuol dire che siamo marci come società. Qualcuno ha visto anche che ci volevamo marciare. Il ragazzo dell'elettrocardiogramma ci disse che stava avendo un infarto in corso, quindi quando c'è quel dubbio non ti permette di continuare. Non ci sono insegnamenti, ma solo momenti in cui fare ciò che è normale. Per rispetto di tutti non c'era possibilità di continuare. Noi siamo stati molto uniti in questo. Ho fatto i complimenti ai ragazzi, non c'era uno che volesse continuare a giocare. Bello che ci siamo riscoperti famiglia in questi momenti e non solo quando vinciamo le partite".

La situazione di Pioli avrà un incidenza sul ritorno?
“Quando si parla di situazione si parla della percezione di quello che si legge sui giornali. Non commento non per marcare di rispetto ma perché a volte non sono cose vere. Il Milan è secondo e le ha vinte tutto e la squadra gioca bene, da quel punto di vista non c’è problema. Si giocheranno un crocevia stagionale perché l’Europa League è un obiettivo per una squadra costruita per essere protagonista in Champions. Sanno che devono vincere perché altrimenti andranno fuori, è un’ultima spiaggia e dovranno ribaltare il risultato”.

Che idea ti sei fatto sulla possibile data del recupero di Udinese-Roma?
"Sappiamo che ci sono diverse opzioni e capiamo le difficoltà di chi organizza e decide quando giocare. Penso che sia un bene che non si trovino date, un orgoglio per il calcio italiano, ma allo stesso tempo deve tutelare la regolarità del campionato. Non si può creare un precedente e giocare a campionato finito. Spero in una soluzione logica".

Come si prepara la gara di ritorno dopo aver fatto così tanto bene all'andata?
"Nella tua domanda c'è l'essenza di questo lavoro. Penso che ci sono le caratteristiche della squadra avversaria che va rispettata. Non è che abbiamo vinto 7-0 e loro non sono mai usciti dall'area di rigore. Forse avremmo meritato di fare qualche gol in più. Non penso che Pioli stravolga tutta la squadra, ma penso che cambi qualcosina. Liedholm diceva sempre che metteva bene in campo la squadra, poi si muoveva e rovinava tutto. Stiamo pensando a qualche cambiamento, ma non ci stiamo snaturando completamente".

Domani è anche per te un crocevia...
"Tutte le partite lo sono. Domani è importante perché non voglio che finisca. Pellegrini ha detto una cosa che mi ha fatto emozionare: È un percorso per essere felici e cosa c'è di più importante? Più importante della nostra gioia, della nostra gloria che c'è? Se pensiamo a quanto sono a rischio, a quanto durerà non ci godiamo quello che stiamo facendo. Da quando sono arrivato sono state tante le giornate felici che ho trascorso. Penso a quello, non alle possibilità di rinnovo in base al risultato di domani".

Cosa cambia la gestione del risultato di domani rispetto alle altre?
"Discorsi sulla gestione del risultato sono solo quelli di essere intelligenti, di non sbilanciarsi troppo. Se poi all'ultimo minuto saremo sullo 0-0 non andremo a cercare il gol. Cercheremo di vincere fin dall'inizio, riuscire a fargli gol per loro sarebbe un colpo duro. Ma se ce li portiamo dentro area, il loro gol arriverà prima o poi. Faremo una partita simile all'andata, ma la differenza la faranno le palle sporche oltre alle nostre qualità negli ultimi metri".

Tu credi al fatto che in certe notti conti anche la storia europea di un club oppure no?
"Penso che sia quello che metteremo in campo noi, come giocatori e loro che negli ultimi anni hanno dimostrato di essere più bravi di noi. Qui da giocatore sono stato eliminato da squadra meno blasonate della Roma e ho eliminato Real, Barcellona, Lione ecc ecc. Queste si portano dietro una potenza economica. I numeri dicono dicono che sono stati superiori, la carriera di Pioli dimostra che è superiore a me, ma all'andata siamo stati superiori. Per me è ancora 50-50 e la Roma che voi non mettete tra le squadre blasonate in Europa ha fatto 4 semifinali in 6 anni".

Come sopperirai all'assenza di Cristante? Avete ascoltato l'appello del tifoso malato terminale?
"Al posto di Cristante giocherà Bove. Non cambia niente, la sceltà che farò non cambia in base all'assenza di Bryan, ma giocherà un giocatore cui riponiamo grande fiducia che uscirà a fine partita con la maglietta zuppa. Vogliamo che faccia una grande partita, perché se lo merita. Al tifoso che ci ha fatto commuovere possiamo promettergli l'impegno a lui come agli altri tifosi. La società sta cercando un modo di rintracciare questo ragazzo per cercare di fare quello che gli possa far piacere. Non riusciamo a rintracciarlo. Ha coinvolto non solo noi, ma anche i miei ex colleghi. Noi più di cercarlo non possiamo fare. Rispettiamo la voglia di rimanere dietro le quinte, ma se avesse voglia, siamo qui e lo stiamo cercando".

Quanto conterà l'aspetto emotivo?
"È parte del gioco, la parte che grazie a Dio rimane sempre viva all'interno della partita e all'interno dell'analisi della partita. Mille cose pensi e mille cose influirranno. All'interno di una partita ci sono mille partite, sia per spostamenti tattici degli allenatori, sia per le giocate dei calciatori. La parte emotiva avrà un suo ruolo, perché sono giocatori abituati a giocare queste coppe. Saremmo bravi a gestire la nostra ansia".

13.35 - Fine della conferenza stampa.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile