Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Roma, Mourinho: "Il secondo posto non è un dramma, ma qualcuno gioca con superficialità"

Roma, Mourinho: "Il secondo posto non è un dramma, ma qualcuno gioca con superficialità"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 30 novembre 2023, 23:15Serie A
di Andrea Piras

Al termine del match pareggiato contro il Servette, il tecnico della Roma José Mourinho ha parlato ai microfoni di Sky Sport: "E' stata un'occasione importante ma è anche importante l'inizio del secondo tempo. E' una cosa che succede spesso. E' un peccato che non ci sia una camera vostra all'intervallo perchè io martello sempre su questa situazione di entrare nella ripresa contro una squadra che perde 1-0, che gioca in casa e che attaccherà sotto i suoi tifosi. E' logico che nel secondo tempo c'è questo atteggiamento dell'avversario e noi siamo stati superficiali nel modo di interpretare questi momenti della partita. Ci sono anche giocatori che hanno perso un'opportunità".

Si riferisce ad Aouar?
"Non parlo di Aouar. Parlo di giocatori in generale. Ci sono anche giocatori che sono partiti dalla panchina e in campionato chi parte dalla panchina hanno una buona concentrazione, in queste partite specialmente fuori casa la gente non sia abituata a stare in panchina e quando entra non riesce a migliorare la squadra. Non penso sia un dramma giocare i playoff, è difficile ma è una motivazione giocare una partita contro una squadra che viene dalla Champions. Ci sarà un'altra partita all'Olimpico esaurito, non voglio fare di questo secondo posto un dramma. Per me è molto più drammatico un'altra opportunità di qualche giocatore persa e un atteggiamento che si ripete quando entriamo in campo nel secondo tempo e stiamo vincendo".

Si è dato una spiegazione?
Non la capisco. Ho giocato 150 partite di Champions, che sono più (fra virgolette) importanti di queste e la motivazione di giocare queste partite è altissima. Sembra che ci sia gente che non ha una grande storia in Europa e gioca queste partite in modo superficiale. C'è gente che è sempre lì, sono sempre gli stessi, novanta minuti di concentrazione e poi c'è gente che è un po' superficiale".

Con Cristante in difesa manca un po' di stabilità?
Sì, ma se manca uno gioca lui. Lui è un grande esempio per gli altri a questo livello, gioca con una concentrazione altissima. Paredes ha fatto un’altra partita molto seria, è un campione del Mondo, gioca qui senza superficialità, poi c’è gente che si sente confortata con questa superficialità"

Qualcuno pagherà?
"Da noi non puoi far pagare, lo può fare Guardiola, da noi c'è solo l'allenatore che può martellare... io continuerò a martellare su questa gente. Il gruppo è fantastico, gente buona, gente seria, che ama la Roma, ma sono in una zona di conforto. Se in casa riusciamo a instillare questa mentalità nella squadra, fuori casa è più difficile, ovviamente potevamo vincere lo stesso".

L'importanza dei giocatori che hai nominato?
"Abbiamo questi ragazzi ma anche gente superficiale. E' poca responsabilità di dirmi che vogliono giocare. Hanno perso un po' la voce. Se qualcuno bussa alla porta del mio ufficio e mi dice che vuole giocare di più, gioca di più quando gli altri sono morti. Perchè la gente che risponde è sempre la stessa".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile