Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
Live TMW

Sassuolo, Ballardini: "Giocatori mortificati ma condizionati dal momento e dall'annata"

Sassuolo, Ballardini: "Giocatori mortificati ma condizionati dal momento e dall'annata"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2024 @fdlcom
domenica 19 maggio 2024, 15:25Serie A
di Antonio Parrotto
Premi F5 per aggiornare la diretta!

14.42 - Davide Ballardini, allenatore del Sassuolo, in conferenza stampa dopo la sconfitta con il Cagliari che di fatto condanna alla retrocessione i neroverdi. Stay tuned.

15.17 - Inizia la conferenza stampa.

Non si aspettava qualcosa di più dai suoi?
"Ci sono dei momenti in una stagione dove devi avere quell'attenzione, quel furore, che magari noi con questa squadra, che non abbiamo quell'abitudine lì, a lottare, ad aggredire, ad avere quel furore perché abbiamo altre caratteristiche, anziché fare una corsa avanti forte siamo un po' frenati, magari ci nascondiamo anziché volere la palla, perché è una situazione difficile e molto pesante, si vede che i giocatori sono molto condizionati dal momento, perché per me sono molto capaci e quindi capisco che tu vuoi fare di più, ce la metti tutta ma fai fatica".

Hai cambiato uomini, modulo, era la mossa della disperazione?
"Dopo un primo tempo senza occasioni da ambo le parti, un primo tempo non bello a parer mio, volevamo mettere più qualità, più giocatori offensivi, volevamo mettere più pressione al Cagliari perché per noi era più importante vincere che fare un altro risultato. Questa era l'idea ma quando fai quelle mosse lì invece di dare forza ti allarghi un po', non fai quelle corse che devi fare, devi scalare in avanti per creare difficoltà agli avversari, ma per me è proprio la situazione che ti condiziona".

Si dà delle responsabilità per questa retrocessione? E poi dopo la gara tutto il gruppo è andato sotto la curva davanti ai tifosi, credo fosse più giusto che anche lei e lo staff vi foste presi questa responsabilità andando sotto la curva insieme alla squadra...
"Non sono d'accordo con lei".

Quanto ha determinato l'aspetto ambientale, di giocare sempre in trasferta?
"Credo sia successo tante volte in questi anni. I calciatori si sono impegnati, hanno dato tutto, non sono riusciti a dare del loro meglio, è la situazione, si incastrano tutte queste cose, ci provi: che sia chiaro, i giocatori del Sassuolo sono tutti molto mortificati perché volevano che finisse in un altro modo perché l'impegno e la serietà non vi è dubbio che ci siano state".

Sente qualche responsabilità in questo epilogo?
"Certamente sì, perché dalla 27esima giornata ad oggi, quando siamo arrivati avevamo in testa di fare meglio, poi come ho detto fai la prima partita e non è una scusa, il Sassuolo senza Berardi non aveva mai vinto, ma non è una scusa perché una squadra forte deve fare a meno del suo giocatore migliore e tutti noi abbiamo il desiderio, la voglia, la determinazione, per cambiare una situazione complicata e questa situazione non siamo riusciti a risollevarsi. Certo che ci sentiamo responsabili".

15.26 - Termina la conferenza stampa.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile