Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Spezia, Macia e il rinnovo di Nzola: "Devo parlargli. Se crede in noi diventa facile"

Spezia, Macia e il rinnovo di Nzola: "Devo parlargli. Se crede in noi diventa facile"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
martedì 20 settembre 2022, 15:23Serie A
di Niccolò Pasta

Intervistato da Città della Spezia, il nuovo Chief Football Officer dello Spezia, Eduardo Macia, ha parlato di M'Bala Nzola e del suo contratto in scadenza nel prossimo giugno: “Per prima cosa devo parlare con lui, è un calciatore molto importante per noi ma dobbiamo capire cosa ha in testa. Se crede in noi tutto diventa facile, se crede in noi perché non ha altre opportunità non è una buona cosa. Chi rimane qua deve essere convinto e deve capire che qui puoi davvero fare il salto. Nzola è un giocatore importante ma ha avuto dei periodi di difficoltà come è normale, perché quando magari c’è difficoltà in società un giocatore lo paga. Ma ora è riuscito a tornare piano piano il giocatore che ci aspettavamo, ma prima di tutto dobbiamo parlare con lui e non con chi gli sta intorno".

“Il calciatore per prima cosa deve avere la parola, deve parlare – ha spiegato il manager spagnolo -. Se non è convinto poi tocca a me e all’allenatore lavorarci, se invece non è convinto perché vuole fare il salto e ha fatto un percorso importante qui in questo club bisogna ringraziarlo, non ammazzarlo. Il giocatore non deve farsi influenzare. Facciamo un esempio: ora tu arrivi al Leicester e ci rimani volentieri, ma sette-otto anni fa non era così. Qualcuno diceva: ‘Bene, ho fatto un anno in Premier. Ora scappo all’Everton, al WBA’. Ora non è così, ora i giocatori si rendono conto che il club è importante e vogliono rimanere, perché la squadra è attraente. Restano fino a che non arriva il salto vero, al Bayern Monaco, al Milan, al Manchester City. Non ai nostri vicini, club del nostro livello. I ragazzi devono capire che da noi può arrivare il vero salto, quello importante. Non quello a questi club”.