Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw

Courtois: "Pallone d'Oro? Impossibile vinca un portiere, specie se gioca con Benzema"

TMW - Courtois: "Pallone d'Oro? Impossibile vinca un portiere, specie se gioca con Benzema"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico Titone
domenica 29 maggio 2022, 10:11Serie A
di Pierpaolo Matrone
fonte Andrea Losapio

Thibaut Courtois, portiere del Real Madrid e MVP della finale contro il Liverpool, a fine partita è intervenuto in mixed zone: "E' incredibile per me vincere la finale di Champions così. Per me non era importante essere protagonista, era importante vincere. Mi sono fatto trovare pronto, ho fatto una parata importante sullo 0-0 e una sull'1-0. Bella quella su Salah con la mano, ma anche quella col piede".

Nessuna nella storia della finale di Champions ha fatto 9 partite e ha mantenuto la rete inviolata.
"Io sono qui per aiutare i miei compagni, per tenere la rete inviolata e vincere. Sono felice di esser stato MVP della finale".

La parata più bella in questa Champions League?
"Non so se è la più bella, ma quella su Grealish contro il Manchester City è stata la più importante, vale molto. Ma anche oggi contro Mané, poi ce ne sono diverse con il PSG. Ci sono anche i rigori, l'andata col Chelsea. E' difficile scegliere".

Punti al Pallone d'Oro?
"E' impossibile che lo vinca un portiere, a maggior ragione se gioca in squadra con Benzema. Posso arrivare lontano, ma è difficile vincere questo trofeo. Per me quello che conta è il fatto che quando sono tornato in spogliatoio tutti i miei compagni urlavano il mio nome. E questo vale più dei riconoscimenti personali".