Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw radio

Corapi: “Dispiace che Inzaghi sia preso di mira. Risponderà sul campo”

TMW RADIO - Corapi: “Dispiace che Inzaghi sia preso di mira. Risponderà sul campo”TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 3 ottobre 2022, 21:38Serie A
di Lorenzo Di Benedetto

Durante la trasmissione “Piazza Affari” su TMW Radio è intervenuto Sandro Corapi, mental coach, per commentare vari temi.

Quale è il suo rapporto con Simone Inzaghi?
“Assolutamente intanto volevo chiarire e dire che le cose dette dalla Gazzetta sono false. Rimane lo splendido rapporto con Simone Inzaghi. Sono 4 mesi che non lo sento ormai, anche perché sto lanciando un mio grande progetto. Sono completamente false le dichiarazioni che Inzaghi abbia studiato le conferenze a tavolino. Mi dispiace che il mister venga preso di mira in questo periodo. Rimane un fuoriclasse e risponderà sul campo”.

Quanto conta il fattore mentale nel calcio?
“ Nel calcio fa più fatica questa tipologia di studio ma sta prendendo molta importanza ora. Adesso i professionisti probabilmente anche vedendo gli altri sport hanno capito l’importanza. Io seguo molti calciatori professionisti e poi chi ne fa uso vede i risultati. C’è questa idea sbagliata che chi lo fa ha qualcosa in meno ma invece il coaching ti porta a fare meno errori nel cammino. Io seguo anche aziende con grandi fatturati perché il mental coaching può servire tutti i giorni”.

C’è un problema di natura psicologica nell’Inter?
“Sono delle supposizioni che ci sia questo problema. Io so quello che si potrebbe e si dovrebbe fare. Per fare questo tipo di lavoro però devono essere tutti d’accordo per un comune intento. Alla mia esperienza alla Lazio i risultati si sono visti. Non perché sia arrivato un mago ma perchè con una comunione d’intenti si può crescere tanto. Nel calcio si è abituati che ai primi problemi si manda via l’allenatore, mentre una persona esterna potrebbe aiutare molto”.

Lei ha fondato un’academy per quanto riguarda la figura del mental coaching?
“Io ho fondato questa academy perché la figura del mental coaching è una figura importante e se ne deve capire l’importanza. Può essere fondamentale in ogni ambienti. Nello sport per esempio gli allenatori, soprattutto a livello giovanile, possono creare problemi che gli atleti si portano dietro per tutta la carriera”.