Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Udinese, Cannavaro: "Rinnovo? Ho firmato per cinque partite, me la sono giocata"

Udinese, Cannavaro: "Rinnovo? Ho firmato per cinque partite, me la sono giocata"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 26 maggio 2024, 23:53Serie A
di Ivan Cardia

Fabio Cannavaro festeggia la salvezza dell'Udinese in Serie A, dopo il successo per 1-0 sul campo del Frosinone. Intervistato da Sky, racconta l'abbraccio a Di Francesco al triplice fischio: "Dal primo giorno che sono arrivato sapevo che era molto difficile, ma come ha detto Capello non impossibile. Abbiamo lavorato tanto, era una squadra in emergenza dal primo giorno, non è stato facile per tanti aspetti. Hanno dato tutto da quando siamo arrivati noi, sono stati bravi e non hanno mollato nulla, questo è il calcio e retrocede una squadra che quando ci giochi contro ti mette in difficoltà. Dispiace vedere retrocedere una squadra così".

Qual è stato il momento decisivo?
"Io già da Bologna avevo capito che questa era una squadra con dei valori. Certo, la difficoltà nel giocare in casa era evidente, però già da Bologna si vedeva che, quando preparavi le partite, i ragazzi erano super motivati e avevano una forza interiore non comune. La partita di Bologna mi ha dato la consapevolezza di poter lavorare su certi concetti, di essere entrato nella testa dei giocatori".

Il contratto cosa prevede?
"Cinque partite".

E adesso?
"Io quando ho accettato me la sono giocata, sapevo che era complicato entrare, perché ho fatto tante esperienza all'estero, che per tanti non valgono ma mi hanno fatto crescere come allenatore. C'è stata un'esperienza negativa in Serie B, me la sono giocata: ho accettato questo compito con difficoltà, ma è stata semplice perché ho trovato una società che mi ha messo a disposizione tutto".

Ha preso una squadra che non meritava quella classifica.
"La cosa su cui abbiamo dovuto lavorare di più è stata la testa, sono giocatori che non devono essere in quella posizione di classifica. Però anche oggi avevo cinque titolari fuori, tre in panchina che al massimo mi garantivano mezz'ora. È stata un'emergenza continua, oggi Davis ha giocato da infortunato, l'avrei dovuto cambiare dopo due secondi".

È un giocatore a cui ha dato fiducia lei?
"Brenner, Davis… Ma perché erano infortunati, la situazione anche prima non era facile. Per un allenatore quando mancano gli attaccanti è dura per chiunque. Però mi sono piaciuti, la gestione della palla era cresciuta: i gol sono arrivati tutti su situazioni su cui abbiamo lavorato. Sono soddisfatto per come abbiamo lavorato".

Non sembra troppo felice.
"Sono felice, ma sono quaranta giorni che siamo stati chiusi nello stadio e forse ancora non ho realizzato".

Cosa le ha dato questa tappa di Udine?
"È una crescita come allenatore, sono sempre stato abituato ad avere squadre votate all'attacco per vincere dei campionati, l'esperienza di Benevento mi è servita tanto per capire un calcio diverso. Prima ero meno esigente, ora lo sono di più: a certi livelli è giusto esserlo. A volte ho dovuto chiudere gli occhi, perché era il momento di farli. È stata una gestione non facile, fortunatamente è andata bene".

Adesso rinnovo o vi salutate?
"Io dovevo pensare a questo, da domani pensiamo ad altro. Avevo l'obiettivo unico della salvezza dell'Udinese, poi ci penseremo. Queste cinque partite sono state molto intense, ho visto dei ragazzi che ti davano tutto, che volevano apprendere, non retrocedere. Questo è fondamentale".

Pochissimi italiani, forse quell'esperienza all'estero è stata utile.
"È normale che, quando la vivi da straniero, la vivi diversamente. E la comunicazione non è facile: loro avevano paura di giocare da dietro, di occupare gli spazi, di andare in avanti. Non è stata facile sbloccarli sotto quel punto di vista, ho cercato di fargli capire che è giusto provare a fare certe cose, quando hai giocatori di qualità, altrimenti le partite non le vinci. Sono stati bravi".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile