Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Udinese, Sottil: "Intensità, verticalità e bravura nelle transizioni. Questo è il mio calcio"

Udinese, Sottil: "Intensità, verticalità e bravura nelle transizioni. Questo è il mio calcio"TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 16 settembre 2022, 22:23Serie A
di Alessio Del Lungo

Andrea Sottil, tecnico dell'Udinese, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport prima della partita contro l'Inter, spiegando quali siano i segreti del suo calcio: "Uno dei pilastri è l'intensità, sono convinto che come ci alleniamo giochiamo. Allenarsi ad alta intensità quotidianamente aiuta sia a livello di condizione fisica, ma anche a livello mentale. Poi bisogna riproporre lo stesso atteggiamento in partita nelle aggressioni e nelle varie fasi. Questa è una squadra predisposta alla fatica, che ha caratteristiche che mi piacciono molto come l'elettricità e l'intensità. Il secondo principio è la verticalità, intesa nell'andare velocemente al gol, attaccare gli spazi con tanti uomini, avere la predisposizione a giocare spesso in avanti, cercare di andare oltre la linea. Credo molto nell'equilibrio. E poi le transizioni negative e positive. Quando riconquisto la palla devo essere bravo a contrattaccare sempre facendo uno step indietro, traslando in avanti il prima possibile".

Il suo Udinese ha tante buone individualità. Come ha fatto ad entrare così bene nella loro testa?
"Faccio semplicemente quello che sono. Sono molto diretto e schietto, ho un rapporto semplice con i giocatori, nel massimo rispetto dei ruoli, ed ho la fortuna di allenare un gruppo straordinario che ha senso di appartenenza e di essere tutti coinvolti. La forza è il noi e abbiamo dimostrato che chi parte dall'inizio e chi subentra ha lo stesso atteggiamento. Poi, pensare alla partita che dobbiamo fare noi, a quello che vogliamo raggiungere, alle migliorie che dobbiamo fare in allenamento e questo te lo porti in campo per giocarti poi la partita. Questo è il nucleo del progetto che voglio portare avanti".

Primo piano
TMW Radio Sport