Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Frosinone, Grosso: "SPAL avversario forte, con una batteria di attaccanti di livello"

Frosinone, Grosso: "SPAL avversario forte, con una batteria di attaccanti di livello"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Insidefoto/Image Sport
venerdì 7 ottobre 2022, 18:34Serie B
di Luca Bargellini

Conferenza stampa della vigilia per il tecnico del Frosinone Fabio Grosso che ha presentato la gara di domani contro la SPAL: “La SPAL? E’ un avversario forte che ha investito molto per essere protagonista in questo campionato come hanno fatto tante squadre. Noi conosciamo le insidie della gara, grandissime come sempre. Abbiamo capito che per competere dobbiamo essere al massimo sotto tutti i punti di vista, tecnico, tattico, fisico e mentale. E ci siamo preparati per essere pronti perché sappiamo che l’impegno sarà difficile come tutti gli altri”.

In questo inizio di stagione si sono visti due Frosinone diversi tra casa e fuori casa a livello di risultati. Come si spiega questa differenza?
“Se poi guardi solo quello che succede alla fine, ovviamente le analisi possono essere anche un po’ distorte. In questo momento siamo stati bravi ad inanellare una serie di prestazioni positive ma queste prestazioni non ci danno credito per quello che riguarda la gara di domani. Dobbiamo essere molto bravi a ripeterle. In alcuni casi solo qualche dettaglio, qualche episodio sfavorevole non ci hanno permesso di portare a casa dei risultati positivi che sicuramente avremmo meritato”.

L’attacco della SPAL dovrebbe essere guidato da La Mantia, nato calcisticamente nel Frosinone. Come giudica questo calciatore?
“Loro hanno una batteria di attaccanti molto forte. Hanno cercato di investire per costruire una squadra che permetta di stare nelle zone alte, come hanno fatto tantissime squadre in questo campionato. Gli attaccanti sono bravi, a centrocampo hanno quantità e qualità, amano palleggiare e sanno farlo bene: è una squadra che, se non saremo al nostro top, ci metterà in difficoltà e se invece riusciremo ad esprimerci al massimo ci troveremo di fronte delle difficoltà ma dovremo essere bravi a saperle superare perché vogliamo cercare di fare partite piene ed ottenere il massimo”.

L’assenza di Boloca in mezzo al campo sarà sicuramente pesante. Tra Lulic e Mazzitelli chi possiede le caratteristiche che più si avvicinano al rumeno?
“Al posto di Daniel giocherà uno tra Lulic, Insigne o Ciervo. Vedremo domani come inizieremo la partita e, come sempre ci diciamo, sarà importante anche chi la continuerà. Sembrano frasi fatte ma non lo sono. Dobbiamo essere bravi a crederci, certe partite si giocano sui dettagli. L’abbiamo provato sulla nostra pelle, nel bene e nel male. Certi dettagli sei pronto a saperli cogliere quando ti prepari per disputare delle grandi gare”.

Ritiene di poter variare qualcosa nell’undici iniziale, oltre Boloca squalificato, rispetto alla gara di Parma?
“Un dubbio sulla sinistra tra Frabotta e Cotali, in avanti gioca Moro”.

Ha da dire qualcosa sulla squalifica e relativa multa arrivata in settimana? In che misura questo condizionerà la partita di sabato?
“Non ci saranno condizionamenti, ne sono convinto. Mi piacerà affrontare l’argomento nelle sedi opportune. Io so bene quelle che sono le mie caratteristiche, una delle poche qualità che mi riconosco è quella di mantenere l’equilibrio giusto nelle cose positive e negative. Ho commesso un errore a poggiare la mano sulla testa del ragazzino in un episodio un po’ particolare. Però ci sarebbe da approfondire molte cose per farci crescere, tutti. In primo luogo per non ripetere un gesto del genere che non è stato così invasivo. E poi anche tutto il resto, perché si è creata in campo una situazione particolare per un niente. Ed è stato un peccato per me”.

Primo piano
TMW Radio Sport