Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Perugia, Baldini: "Dopo aver pareggiato ci siamo spenti. Il nostro obiettivo non cambia"

Perugia, Baldini: "Dopo aver pareggiato ci siamo spenti. Il nostro obiettivo non cambia"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Rosario Carraffa/TuttoPalermo.net
sabato 1 ottobre 2022, 21:19Serie B
di Marco Pieracci

Silvio Baldini, tecnico del Perugia, analizza in sala stampa la sconfitta per 3-1 contro il Pisa: “Non ho da rimproverare nulla, hanno lavorato bene nei giorni in cui sono stato qui. Nel primo tempo - riporta pianetaserieb.it - abbiamo subito la banalità della distrazione. Nella seconda parte il Curi era coperto su tutto il fronte, abbiamo raggiunto il pareggio meritatamente. Abbiamo concesso un calcio di punizione che non andava concesso, rifiatando e abbiamo sbagliato”.

Serve più lavoro mentale o tecnico?
“Bisogna lavorare sulla testa delle persone, è l’ansia di sbagliare a condizionare le azioni e quindi il risultato. La situazione pesa e pesa la maglia. Sono pronto a lottare, ho la voglia di affrontare le difficoltà. Fino al gol del pareggio la squadra stava andando bene, poi niente, di Carmine ha fatto gol e ci siamo spenti”.

Cosa è mancato dopo il gol del pareggio?
“Abbiamo perso il coraggio di ripartire. Ci siamo fatti crollare addosso il mondo. Mentalmente devi esser forte. Se vuoi tramutare in applausi i fischi devi lavorare sulla mente”.

Questa sconfitta la spaventa?
“Il pareggio doveva creare entusiasmo, invece abbiamo subito il Pisa, non abbiamo reagito. La depressione è riaffiorata alla prima difficoltà. Non mi spaventa la sconfitta”.

Cosa si può ricavare da questa partita?
“Più grande è la battaglia più grande sarà l’onore. La sconfitta insegna e io sono pronto a ripartire con loro. Andiamo avanti senza cambiare di una virgola il nostro obiettivo”.