Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW RADIO - Ponciroli: “Lautaro strepitoso in Coppa. Juve? Situazione ormai insopportabile”

TMW RADIO - Ponciroli: “Lautaro strepitoso in Coppa. Juve? Situazione ormai insopportabile”TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 26 maggio 2023, 11:39Altre Notizie
di TMWRadio Redazione
Editoriale
TMW Radio
Editoriale
Editoriale con Fabrizio Ponciroli, intervistato da Vincenzo Marangio
00:00
/
00:00

Durante l’appuntamento odierno con L’Editoriale è intervenuto sulle frequenze di TMW Radio Fabrizio Ponciroli. Queste le sue parole:

Cosa ha lasciato a Inter e Fiorentina la finale di mercoledì?
“Partendo dall’Inter è chiaro che la vittoria rappresenti un risultato importante, ci sono degli aspetti positivi con un Lautaro Martinez strepitoso. Ci sono però delle ombre, come dimostrano le tantissime occasioni concesse alla Fiorentina. Questo con il Manchester City non puoi permettertelo, su questo dovrà lavorare Inzaghi ma credo che avrà un approccio ben diverso a Istanbul. Per la Fiorentina mi è dispiaciuto, io sono sempre per gli underdog e mi sarebbe piaciuto rivedere il nome della Fiorentina nell’albo d’oro. Credo che Commisso stia facendo tanto per la Fiorentina e meriterebbe un trofeo. Spero che questa sconfitta non condizioni la finale con il West Ham, che è una buona squadra, e spero soprattutto che la Fiorentina possa crescere a livello difensivo perché ha delle lacune enormi. Italiano ha fatto delle cose meravigliose, a prescindere da quello che succederà nella finale di Conference. Mi auguro possa vincere la finale, perché serve un trofeo che possa cambiare la visione di questo percorso a Firenze. Crescerebbe enormemente la stima nei confronti di Italiano e sarebbe la consacrazione per un progetto straordinario firmato Rocco Commisso.”

Come giudichi le ulteriori novità sulla questione Juventus tra penalizzazione e la possibile squalifica della UEFA?
“Di normale in tutte queste vicende non c’è nulla, sembra quasi che non ci sia altro nel mondo se non la Juventus. È un continuo e martellante tentativo di creare terra bruciata intorno alla Juventus. In tanti si stanno esprimendo a favore della Juve, da Mourinho a Lotito, perché sanno l’importanza della Juve per il calcio italiano. Si sta tirando il tutto un po’ per le lunghe, bisogna mettere una parola fine e arrivare a una conclusione, non si può andare avanti un’altra stagione così. Diventa insopportabile non solo per gli juventini ma per chiunque. Per il bene di tutti si deve arrivare a una conclusione, sia a livello nazionale che a livello internazionale.”

Giuntoli è l’uomo giusto per la Juve? E che allenatore potrebbe arrivare in caso di addio ad Allegri?
“Io non sono così convinto dell’arrivo di Giuntoli per il fattore De Laurentiis. Dopo aver vinto lo Scudetto De Laurentiis farà di tutto per non mandare Giuntoli alla Juventus, ADL ha tutta l’intenzione di creare problemi ed è difficile trattare con lui, specialmente in questo caso visto che Giuntoli vuole andare alla Juve. Sul fronte allenatore capisco la voglia di cambiare, vorrei però spendere una parola per Allegri perché non so in quanti al suo posto avrebbero portato la Juventus al secondo posto virtuale in campionato. È certo che pesano i risultati, che sono contro ad Allegri, però non va dimenticato quanto ha fatto. Io resto convinto che in questo tsunami Allegri se la sia cavata bene, ma i risultati sono negativi e ci sta sostituirlo. Mi fanno però paura i nomi che sono stati fatti, perché sono tutti allenatori che hanno bisogno di tempo. Credo che il popolo bianconero non sia in grado di aspettare la crescita della squadra, o lo si mette in chiaro a inizio stagione parlando da subito di 1-2 anni di transizione. Nessuno mette in dubbio il valore di un allenatore come De Zerbi, ma avrà bisogno lui come altri allenatori di tempo.”

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile