Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW RADIO - Zigoni: "Vi racconto Provedel. Suo nonno amico di Yashin, per questo fa il portiere"

TMW RADIO - Zigoni: "Vi racconto Provedel. Suo nonno amico di Yashin, per questo fa il portiere"TUTTO mercato WEB
giovedì 21 settembre 2023, 10:44Altre Notizie
di Lorenzo Di Benedetto
Piazza Affari
TMW Radio
Piazza Affari
Ospiti: Gianfranco Zigoni e Dimitri Conti Piazza Affari con Cristiano Cesarini
00:00
/
00:00

Gianfranco Zigoni, ex attaccante di Juventus e Lazio, è intervenuto ai microfoni di TMW Radio per parlare del gol messo a segno ieri sera dal portiere della Lazio, Ivan Provedel, all'ultimo minuto della sfida di Champions contro l'Atletico Madrid, lui che lo ha scoperto anni fa: "Ivan era un predestinato da bambino. Solo guardandolo in faccia quando aveva 10 anni ho notato il fisico e la determinazione. Il suo sogno era quello di giocare portiere e me lo chiedeva, ma sua mamma mi diceva che se l'avessi fatto giocare in porta non le andava bene, visto che aveva bisogno di sfogarsi visto che era un bambino esuberante. Non sono meravigliato di quello che ha fatto, anche perché non era un caso, aveva già fatto gol in passato. Lui è stato con me due o tre anni a Basalghelle, era appassionato al calcio. Poteva giocare ovunque, non so se avrebbe fatto carriera da attaccante perché voleva giocare in porta e solo lì ci ha messo quella determinazione".

Poi cos'è successo?
"Successivamente fece un provino in un'altra squadra a 15 anni, lo hanno visto e lo hanno portato a Udine. Non sono meravigliato. Voglio dire un'altra cosa: il nome Provedel forse non suona tanto bene, ma la scuola friulana è importantissima, visto Meret e Vicario. Provedel con i piedi è fortissimo e sapevo che era anche fortissimo di testa, non solo perché la colpisce, ma anche per la freddezza che ha. Spero che possa arrivare in Nazionale, se lo meriterebbe, per me è il più forte in questo momento".

Stava vedendo la partita della Lazio in diretta?
"Sì, ho tremato per qualche ora. Dentro di me però sapevo, quando l'ho visto al limite dell'area, che avrebbe potuto fare gol se avessero messo una bella palla in mezzo".

Perché voleva fare il portiere?
"Vi racconto un aneddoto. Ivan voleva fare il portiere perché suo nonno, che è di Mosca, era grande amico di Lev Yashin. Abitavano vicino, la nonna è ancora viva e abita a Mosca. Aveva dunque il mito di Yashin".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile