Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, la forza della qualità… Milan-Conte, perché no? Allegri dividerà sempre…

Inter, la forza della qualità… Milan-Conte, perché no? Allegri dividerà sempre…TUTTO mercato WEB
mercoledì 7 febbraio 2024, 09:07L'Angolo di Calcio2000
di Fabrizio Ponciroli

Tanti spunti dopo Inter-Juventus. Finalmente si è parlato pochissimo di arbitri e VAR (salvo i soliti fenomeni da tastiera che vedono complotti anche al proprio supermercato di fiducia) e tanto di campo. L’Inter ha dato una spallata importante al campionato. Lo Scudetto è lì, pronto per essere acciuffato ma, come ribadito bene dall’esiliato Zhang (chissà se alla festa Scudetto si materializzerà?), bisogna stare attenti. Non bisogna mollare di un centimetro. Lo sanno bene i tifosi dell’Inter che, recentemente, uno Scudetto l’hanno buttato via quando sembrava già nelle proprie mani… Onestamente c’è poco da dire sull’Inter di oggi. Una squadra tosta, mentalmente forte, che, come dice Thuram, “… si diverte a giocare insieme” e, soprattutto, di qualità. Avete visto il lancio millimetrico di Calhanoglu per Dimarco? Poesia pura… Ecco, l’Inter è la squadra con più talento in Italia e, questo, spesso fa la differenza. Giusto così. La speranza è che questa grande qualità possa essere decisiva anche in Champions League…
L’Inter si sta godendo una stagione speciale, il Milan sta, invece, pianificando la prossima di stagione. Mai avuto nulla nei confronti di Pioli che, comunque vada, ha vinto uno Scudetto che non gli toglierà mai nessuno. Tuttavia, ritengo che il suo ciclo al Diavolo sia al capolinea, a prescindere da come finirà l’annata in corso. Si continua a tirare in ballo il nome di Conte.

In tanti non sono certi che sia il profilo giusto: troppo aggressivo, troppo juventino, troppo nerazzurro, insomma troppo di tutto. No, no e poi no… Conte è un allenatore top, soprattutto nel breve periodo. Potrebbe scuotere il Milan e far fare il salto di qualità finale a tanti giocatori attualmente in rosa, in primis a Leao. Con Conte, il portoghese non avrebbe più alibi: o diventa un top player o non lo diventerà mai da nessun’altra parte. Quindi, ben venga Conte…
Chiudo con Allegri. Stucchevole il siparietto tra chi sta con Allegri e chi lo detesta. Ormai è diventato un trend social di cattivo gusto. Allegri potrà non piacere ma è un grande allenatore. Leggere certe affermazioni mi convince sempre di più che, sui social, non bisognerebbe mai soffermarsi su dibattiti a sfondo calcistico. Meglio guardare un gatto che inganna la telecamera o l’ultimo balletto in voga su Tik Tok. Mi sembrano più qualificati e significativi di tanti giudizi su Allegri… Dividerà sempre l’attuale tecnico bianconero, proprio per il suo modo di essere e fare. Un po’ come Mourinho per certi versi… E’ il destino di alcuni allenatori. A loro difesa ci sono i trofei vinti e quelli, nei circoli che contano per davvero, hanno un peso importante.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile