Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Corvino: "Le tante critiche ricevute per l'acquisto di Vlahovic oggi sono diventate carezze"

Corvino: "Le tante critiche ricevute per l'acquisto di Vlahovic oggi sono diventate carezze"TUTTO mercato WEB
martedì 18 giugno 2024, 22:00Serie A
di Alessio Del Lungo

Pantaleo Corvino, responsabile dell'area tecnica del Lecce, nella lunga intervista a Tv Playcorv, ha parlato anche della sua predilezione nell'acquistare attaccanti. In effetti in carriera è riuscito a scoprire Bojinov, Vucinic, Jovetic, Vlahovic e ora Krstovic: "Da direttore sportivo sai che ci sono ruoli più importanti di altri, che accendono la fantasia dei tifosi e le aspettative loro e della società. Ho sempre cercato per primi portiere e attaccante, come filosofia, fin dalle categorie più basse. Ho fatto leva sulle mie capacità, che non sempre si dimostrano vincenti se vogliamo. Ma solo chi non lavora non sbaglia. Cerco di sforzarmi a sbagliare il meno possibile, mi appello alla mia esperienza e alle mie idee, guardando cosa un giocatore può diventare piuttosto che chi è in quel momento, che è quello che devi fare quando non hai disponibilità economica. Solo quattro volte ho superato la soglia dei 10-15 milioni... Ovviamente il rischio è alto, ma i risultati sono stati nel complesso dalla mia parte".

Una cuoriosità su Bojinov e Vucinic?
"Ogni giocatore ha la sua storia e può essere potenzialmente un top o un flop. A volte dipende non solo dalle capacità, ma da tanti fattori mentali, psicologici e ambientali, che possono far esprimere bene o meno un calciatore. Bojinov lo presi a 12-13 anni, in un viaggio a Malta, dove ero andato per vedere Berbatov. Quest’ultimo tra l’altro lo avevamo preso, prima che saltasse tutto dopo l’iter delle visite mediche… Poi, al debutto di Bojinov in Serie A, dopo che in metà stagione aveva fatto 11 gol, decisi di cederlo alla Fiorentina, per dare più spazio a Vucinic. Non avevo il consenso della società e non avevo quello di Zeman, ma si rivelò la scelta giusta, anche perché poi Vucinic lo rivendemmo a 21 milioni".

Quando prese Vlahovic in tanti dissero che lo avevate pagato troppo.
"Si pensava che non fosse giusto il mio acquisto di Vlahovic, perché era un ragazzo di 17 anni che non conosceva nessuno, pagato un milione e mezzo di euro e che occupava una casella da extracomunitario che precludeva la possibilità di altri acquisti per la prima squadra. Ricevetti molte critiche dall’interno e dall’esterno, anche per il fatto di averlo preso a dicembre per farlo poi arrivare a Firenze a luglio. Fu un momento dove fui molto criticato, è vero. Ma vederlo oggi a quei livelli e sapere che la Fiorentina ha incassato 80 milioni dalla sua cessione, fa diventare carezze quelle critiche. Ricordo che al momento della firma di Vlahovic, la madre mi guardò negli occhi e mi disse: ‘Guardi che le sto dando il nuovo Batistuta’. Io le risposi, preso alla sprovvista: ‘Mi basterebbe che sia il nuovo Toni’. Aveva ragione lei e mi ero sbagliato io".

Quali sono i suoi acquisti migliori?
"Sono tanti, non mi va di fare torto a nessuno. Il colpo migliore, risponderei, è sempre il prossimo".

Non è che ha già preso il nuovo Vlahovic?
"Partiamo sempre da ultimi, fateci ancora godere di questa impresa ancora per qualche giorno, prima di pensare al futuro".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile