Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

FIFA Global Transfer Report 2021 - Effetto Covid: soli 300mila dollari di spesa media per affare

FIFA Global Transfer Report 2021 - Effetto Covid: soli 300mila dollari di spesa media per affare
venerdì 14 gennaio 2022, 14:45Serie A
di Giacomo Iacobellis

Se i trasferimenti sono cresciuti dal punto di visto numerico, la spesa di mercato ha seguito invece un trend totalmente differente. Come mostra il "FIFA Global Transfer Report 2021", infatti, per il secondo anno consecutivo in questo 2021 la spesa legata ai trasferimenti è diminuita sensibilmente con un totale di 4.86 miliardi di dollari spesi e quindi un 13.6% in meno rispetto al 2020 (33.8% sotto il record del 2019).

Cosa significa? Se la maggior parte dei club ha lavorato per migliorare la propria rosa, allo stesso tempo gli effetti della pandemia e della crisi economica hanno portato a operazioni dai costi nettamente inferiori e con formule spesso lontane dal classico trasferimento a titolo definitivo a cui eravamo abituati negli anni passati.

Come si legge in questo documento ufficiale, la maggior parte dei trasferimenti (59%) si è verificata inoltre per meno di 500.000 dollari (poco più di 430.000 euro). Si è andati sopra i 5 milioni di dollari (quasi 4.5 milioni di euro) solamente nel 10% dei casi. La spesa media per le operazioni è scesa di conseguenza in modo drastico, assestandosi intorno ai 300.000 dollari (neanche 300.000 euro) a operazione e tornando così ai lontani livelli del 2011.