Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Le pagelle della Fiorentina - Disastro Igor, ancora negativo Jovic. Italiano le prova tutte

Le pagelle della Fiorentina - Disastro Igor, ancora negativo Jovic. Italiano le prova tutteTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca 2022
domenica 11 settembre 2022, 17:18Serie A
di Dimitri Conti

Risultato: Bologna - Fiorentina 2-1

Terracciano 6 - Tempismo perfetto quando a fine primo tempo ferma la corsa di Arnautovic con fare da stopper più che da portiere. Battuto due volte attorno all'ora di gioco, un po' sorpreso sul cross del 2-1 ma non ha colpe.

Dodo 6 - Uno dei più propositivi nell'atteggiamento, deve fare i conti con qualche compagno che non sempre lo trova e lo serve come vorrebbe. Poi a fine primo tempo si fa male e deve alzare bianca. Dal 45'+1' Venuti 5,5 - Come da previsioni spinge decisamente meno rispetto a colui che va a rimpiazzare. In lieve ritardo sul gol partita.

Martinez Quarta 6,5 - L'infortunio di Milenkovic gli sta regalando spazio in vetrina e lui lo sfrutta a dovere, segnando il momentaneo vantaggio. Si fa scippare sul 2-1, ma i sospetti di un fallo ai suoi danni non mancano.

Igor 4 - Attento e preciso nel primo tempo tanto quanto distratto e in vena di errori nel secondo. Un suo svarione spalanca la strada all'1-1 di Barrow, prima che nel recupero arrivi persino un rosso per doppia ammonizione. Disastro.

Biraghi 6 - Sulla sua fascia di competenze si sviluppano gran parte delle azioni d'attacco di marca gigliata, lui si affaccia più di una volta al cross ma non arrivano quasi mai frutti. Ci prova e si applica, ma non basta.

Bonaventura 6 - Degli undici che iniziano la partita, è quello che mette dentro più carattere e voglia di far male. Si comporta da guida ma manca un po' nelle scelte e nelle conclusioni per riuscire a elevarsi davvero.

Amrabat 6 - In fase di non possesso è una presenza costante ma i disguidi arrivano piuttosto quando il pallone è tra i suoi piedi. Se le sue doti da mediano sono invidiabili, quelle da regista possono essere affinate. Dall'85' Mandragora sv.

Barak 5,5 - Quinta partita da titolare su cinque da quando è arrivato a Firenze, un po' di stanchezza accumulata è normale ed è proprio quella che sembra inficiare sul suo match. Se ne rimane un po' troppo in disparte. Dal 72' Ikone 5,5 - Una ventina di minuti scarsi più recupero per provare a incidere sulla partita, ma non ci riesce.

Kouame 5,5 - Dopo un primo tempo piuttosto anonimo, si accende ad inizio ripresa con un paio di slalom giganti da mal di testa per i rossoblu. È però solo un'impressione, un'illusione: nei minuti seguenti si rieclissa. Dall'85 Cabral sv.

Jovic 5 - La prima frazione, seppure non tiri, pare incoraggiante, specie in protezione palla e rifinitura. Il secondo tempo però vede riproposta l'ultima, negativa versione. Le cose non migliorano neanche quand'è in coppia.

Sottil 5,5 - Un problema fisico lo costringe a rimanere in campo solo per il primo tempo. Nei 45 minuti a sua disposizione non riesce ad accendere l'esplosività delle sue gambe negli allunghi, vedendosi limitato. Dal 46' Saponara 6,5 - Alla Fiorentina serve qualche invenzione e Italiano si affida alla sua esperienza e qualità. Contraccambia con il preciso assist del solo illusorio vantaggio viola.

Vincenzo Italiano 5,5 - La Fiorentina ha bisogno di una scossa, di una vittoria per tornare a correre sulla scia dell'entusiasmo. E soprattutto, di gol. Anche stavolta invece ne arriva solo uno, grazie a un difensore. Preoccupano e non poco i soliti blackout là dietro (sul secondo sospetto fallo), questa volta costati l'intera posta in palio. Dal canto suo, però, il tecnico le prova un po' tutte, cambiando più volte il modulo nel corso della ripresa, finendo con due punte come da molti invocato. Neanche così basta: il sospetto è che certi problemi siano strutturali più che suoi.