Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
live

Juventus, Szczesny: "Allegri è il nostro psicologo, sa caricarci tanto"

LIVE TMW - Juventus, Szczesny: "Allegri è il nostro psicologo, sa caricarci tanto"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 4 ottobre 2022, 15:08Serie A
di Marco Conterio
fonte dall'inviato a Torino di Tuttomercatoweb.com

Dopo le due sconfitte contro Paris Saint-Germain e Benfica, la Juventus di Massimiliano Allegri è a 0 punti nel girone di Champions League. Gli stessi del Maccabi Haifa di Barak Bakhar, che domani all'Allianz Stadium di Torino sfiderà proprio i bianconeri. Una gara da dentro o fuori per iniziare la remuntada europea quella contro gli israeliani. In conferenza stampa, al fianco di Allegri, c'è Wojchech Szczesny, di ritorno in Champions, già convocato col Monza e in campo col Bologna.

Segui la conferenza stampa di casa Juventus su Tuttomercatoweb.com

Che gara sarà?
"Dovremo avere un atteggiamento simile a quello col Bologna. Tranquilli, consapevoli della situazione, della difficoltà della situazione in Champions. Il doppio confronto col Maccabi vuole 6 punti per arrivare allo scontro diretto col Benfica con la possibilità di passare il turno".

Sente la concorrenza di Perin?
"Sento l'amicizia. E' un amico, non mi sorprendono le sue prestazioni, è sempre pronto a darci una mano da grande portiere".

Ci sono affinità con le difficoltà della scorsa stagione?
"Ci sono tanti aspetti che hanno condizionato quest'inizio, la mancanza di tanti giocatori non ha aiutato ma dovevamo fare meglio. Sono tornati un paio di giocatori, altri stanno rientrando, ci stanno dando una mano. Alza il livello di autostima nella squadra ma anche nelle condizioni difficili dovevamo fare meglio. Ora c'è un mese e mezzo importante, dobbiamo portare tanti risultati a casa".

Questa Juventus è pronta per una grande rimonta in Champions e in campionato?
"Sì, credo che questo gruppo abbia tutte le qualità e l'esperienza per affrontare questa sfida con grande entusiasmo. Siamo pronti, nonostante l'inizio difficile, a fare una buonissima stagione".

La Juventus ha bisogno di un allenamento mentale?
"Ognuno deve fare le sue scelte, se serve un aiuto dall'esterno o no. Ora è il mister il nostro psicologo, ci carica tanto. Nel futuro credo che sarà una cosa molto importante".

E' scattata la molla?
"Facciamo un mestiere bellissimo, dobbiamo lavorare duro ma sempre col sorriso. La vittoria contro il Bologna ci ha riportato entusiasmo, i risultati positivi che spero arriveranno nelle prossime gare spero porteranno questo anche allo stadio".

Come ha visto la crisi Juve da fuori?
"Io preferisco vedere sempre le cose dal campo ma, come ho detto prima, ci sono tanti aspetti che ci hanno condizionato. Dovevamo fare meglio, ho passato questo mese non benissimo. Mi sentivo inutile, ho visto la squadra in difficoltà e non potevo aiutarla. Non è stato semplice ma sono tornato con grande entusiasmo".

Quanto è importante non prendere gol?
"Fondamentale, anche se è un obiettivo mio, individuale. Quando siamo compatti dietro diventa più facile attaccare in contropiede".

Che Serie A sta vedendo?
"Un campionato equilibrato, 5 squadre che lottano per lo Scudetto. Ci sono più scontri diretti ma ora pensiamo alla Champions, non ha senso pensare al campionato... Siamo 7 punti dietro, c'è una rincorsa da fare. Un passetto alla volta, ci arriveremo".

Si aspettava questo impatto di Milik?
"Lo conosco da tanti anni, è sempre stato forte. Mi ha sorpreso la qualità che mette in campo, giocando dietro Vlahovic ha più spazio, può girarsi verso la porta, crea tante situazioni offensive. Sono molto contento di quel che ha fatto, si vede che ha un buon futuro nella Juventus. Speriamo...".

Quante chances dà alla Juventus di qualificarsi?
"Intanto facciamo 3 punti domani, poi 3 punti là, poi giochiamoci il passaggio del turno col Benfica".

Finisce qui la conferenza stampa di Wojchech Szczesny