Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Lovato: "Inter, Frattesi ha caratteristiche rare. Dimarco fra i migliori del suo ruolo"

Lovato: "Inter, Frattesi ha caratteristiche rare. Dimarco fra i migliori del suo ruolo"TUTTO mercato WEB
mercoledì 12 giugno 2024, 22:53Serie A
di Andrea Piras

Intervistato dai colleghi de Linterista.it, l'ex direttore sportivo dell'Ascoli Gianni Lovato ha parlato dell'importanza di Frattesi: "Molto, lui è un giocatore che non ha un omologo nell'ambito della nostra rosa. Perché abbina forza, mentalità, ha capacità di inserimento e soprattutto di segnare. Sono caratteristiche che messe tutte assieme sono rare e fanno di lui un grande giocatore. Se adesso dovessi fare un accostamento...Mi può venire in mente il Vidal della situazione: stiamo parlando di giocatori che fanno bene entrambe le fasi, forse Arturo era un pizzico più difensivo, ma comunque anche Fratesi nella fase di non possesso fa il suo. Hanno questa capacità di fare tutto al meglio e di segnare. Perché poi si può fare tanta filosofia, ma le partite si vincono facendo gol e lui è uno di quei centrocampisti che a fine stagione il suo apporto te lo da.

Dimarco? Quando è arrivato da noi era veramente molto giovane, stiamo parlando di un '97, era la stagione 2015-2016: un ragazzino. Arrivato poi a metà stagione. Fu una cosa a colpirmi di lui. Arrivò in corsa, in un contesto di gente tutta di età superiore alla sua, noi avevamo già fatto l'acquisto di Jankto dall'Udinese in quella zona, e lui era al suo primo anno fuori dal mondo giovanile. Insomma in teoria non era nemmeno così facile trovare degli spazi, ma ne trovò eccome.

Fra i migliori tre del suo ruolo? Assolutamente sì. La definizione di fuoriclasse spesso viene riconosciuta ai giocatori che magari operano in altre zone di campo, come per i trequartisti o comunque gli attaccanti, però se parliamo di quinti o comunque di esterni lui ha tutto per essere definito così. Poi ovvio che può fare sbavature come in ultima partita, ma capitano a tutti. In una squadra come l'Inter, con tanti giocatori di alto livello, lui fa la differenza, basta questo".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile