Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Milan, Ibrahimovic: "Se nei prossimi giorni risolvo i miei problemi fisici continuo"

Milan, Ibrahimovic: "Se nei prossimi giorni risolvo i miei problemi fisici continuo"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 22 maggio 2022, 21:48Serie A
di Dimitri Conti

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, parla così a DAZN dopo la vittoria del campionato: "Questo è lo Scudetto più soddisfacente, quando sono arrivato ricordo ancora che alla conferenza stampa mi fu detto che normalmente chi torna dove ha giocato di solito fa peggio e rischia di fallire. Io ho promesso di riportare il Milan al top e vincere lo Scudetto, in tanti ridevano e invece sono qua da campione, con una squadra sulla quale non tutti credevano. Ci siamo sacrificati e abbiamo sofferto, quando è così tutto è possibile. Quest'anno ho sofferto troppo, non scendo nei dettagli: nei prossimi giorni parlerò di tutto ciò che mi è successo".

Quanto ha dato a livello di mentalità?
"Il primo giorno era un Milan, oggi è un altro. Ogni giorno ho fatto ciò che faccio sempre: come altri mi hanno costruito, io ho cercato di trasmettere ai più giovani. Se spiego nei dettagli cosa è successo quest'anno... Una storia incredibile. Però ho cercato di aiutare dentro e fuori dal campo, la squadra è stata molto disponibile: ogni giorno aspettavano il loro pilota".

I suoi problemi sono fisici?
"Sì".

Si è divertito ad essere allenato da Pioli?
"Il gruppo è forte, il mister ha fatto grandi cose. Ricordiamo che due anni fa eravamo tutti fuori, ma dopo aver lavorato alla fine si può dire che abbiamo vinto noi. Da quando ci sono, siamo arrivati secondi e poi primi... Mancava solo il trofeo. Il mister mi dà responsabilità e spazio per essere me: negli ultimi tre mesi mi diceva che era stressato, ma è normale quando ti giochi il titolo".

Prosegue?
"Prima devo stare bene, quando lo saprò darò altre risposte. Se riesco a stare bene non sarà la mia ultima partita, dipende da cosa succede in questi giorni".

Una dedica?
"Lo dedico a Mino Raiola, è il primo trofeo che vinco senza di lui. Lui mi disse che solo io avrei potuto salvare quel Milan".

Primo piano
TMW Radio Sport