Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Milan, Scaroni: "Ieri emozione incredibile. Pioli uomo copertina, Maldini e Massara da blindare"

Milan, Scaroni: "Ieri emozione incredibile. Pioli uomo copertina, Maldini e Massara da blindare"TUTTOmercatoWEB.com
lunedì 23 maggio 2022, 09:30Serie A
di Lorenzo Di Benedetto

Il presidente del Milan, Paolo Scaroni, dopo la vittoria dello scudetto dei rossoneri di ieri, ha parlato a Radio Rai, nella trasmissione, Radio Anch'io Sport: "Quella di ieri è stata una giornata clamorosa, un'emozione incredibile che mi ha ripagato di tutta l'ansia che provo ogni domenica fin da 24 ore prima".

Pensate a uno stadio con più di 60.000 posti?
"La mia ambizione è che lo stadio sia pieno, il tema che mi preoccupa sono i diritti televisivi all'estero ma lo stadio va bene anche da 50-55.000 posti, oggi non se ne costruiscono di più grandi".

State immaginando che il futuro abbia un affluenza ridotta allo stadio?
"La televisione gioca un ruolo fondamentale in questo senso. Io non vorrei vedere partite con stadi mezzi vuoti, dobbiamo imparare tutto dalla Premier League, dove gli stadi sono sempre pieni. Voglio fare quello che hanno fatto loro, abbiamo bisogno, come Serie A, dell'audience".

Tutto parte dal dicembre 2019, con lo 0-5 con l'Atalanta. Ci ha ripensato?
"Non mi parli di quella partita, c'ero ed è stato un giorno amarissimo. Si immaginava l'esonero di Pioli ma per fortuna abbiamo deciso il contrario ed è partito il periodo virtuoso che ci ha portato allo scudetto e ad avere i conti sempre più a posto".

La scelta di confermare Pioli e l'addio di Donnarumma con l'arrivo di Maignan. Queste solo le cose chiave?
"Non solo, abbiamo una proprietà che ha finanziato ma senza fare debiti. Poi c'è la dirigenza con Gazidis, Maldini e Massara, che hanno lavorato nella stessa direzione di Pioli. Questo ci ha portato al successo".

Il Milan non era la squadra più forte.
"Per noi è stato elemento di leggerezza, poi conta la squadra, non sempre chi ha i campioni più importanti vince. Abbiamo sviluppato i nostri campioni in casa".

Chi è l'uomo copertina del Milan?
"Metterei Pioli senza dubbio. Di giocatori non parlo, ci pensano l'allenatore, Maldini e Gazidis".

Maldini e Massara rimarranno?
"Siamo in una fase dove potrebbe cambiare la proprietà e faccio fatica a fare previsioni. Per quello che mi riguarda devono proseguire a fare il grande lavoro che hanno fatto negli ultimi anni".

RedBird sta per comprare il Milan per 1,3 miliardi di euro?
"Per quanto riguarda Investcorp ho letto che hanno fatto un passo indietro, invece RedBird ne ha fatto uno avanti. Le cifre di cui si parla dimostrano che è stato raggiunto un successo sportivo ma anche finanziario. Mi auguro che la trattativa si concluda prima dell'inizio vero e proprio del calciomercato".

La Champions è un sogno?
"Per il momento sì".

Cosa augura a Ibrahimovic?
"Zlatan è stato un buon profeta quando ha detto che avrebbe portato il Milan a vincere. Non mi preoccupa sapere cosa farà domani, troverà la strada giusta".