Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Rabiot spalanca le porte alla Premier League: l’addio alla Juve è praticamente certo

Rabiot spalanca le porte alla Premier League: l’addio alla Juve è praticamente certoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 8 dicembre 2022, 07:00Serie A
di Simone Dinoi

La Juventus sta portando avanti il lavoro presso il centro sportivo della Continassa (ieri doppia seduta, oggi allenamento al mattino) con chi non ha partecipato al Mondiale in Qatar. Fra questi non c’è ovviamente Adrien Rabiot, impegnato con la sua Francia nella caccia alla semifinale del torneo iridato, che dal ritiro dei Bleus ha parlato del proprio futuro aprendo, anche pubblicamente, le porte a un addio alla Juventus e a un trasferimento in Inghilterra.

Al Mondiale lo stesso Rabiot che ha chiuso con la Juve.
Prima di partire per il Qatar Adrien Rabiot aveva messo sul rettangolo verde la miglior versione di se stesso in bianconero. Sempre solido, arcigno, profondamente disponibile al sacrificio ma con l’aggiunta di diverse proiezioni offensive che hanno portato al bottino di 5 gol e 2 assist nelle prime 16 presenze della stagione. E con la sua Francia ha proposto esattamente lo stesso profilo: oltre all’apporto quantitativo, anche l’unico gol di stampo transalpino che non porti la firma di Mbappé o Giroud. Un punto di riferimento per Deschamps col quale, ha raccontato dal ritiro francese, tutto si è risolto: “Abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto, anche per quello che è successo prima della Coppa del Mondo del 2018. Non abbiamo avuto contatti per due anni e quando sono tornato abbiamo subito parlato, è andata molto bene. Alla Juve ho lavorato molto sul fisico e questo mi sta permettendo di non perdere ritmo durante le partite”.

Il francese spalanca le porte alla Premier League: sarà addio con la Juve.
Sto attraversando un buon periodo dal punto di vista calcistico. Sono certamente cresciuto e maturato: questo è il periodo migliore della mia carriera”, ha aggiunto poi il classe 1995 in scadenza di contratto a giugno con la Vecchia Signora. Accordo che non subirà variazioni, perché le idee delle due parti non collimano, e non collimeranno, dal punto di vista economico. Non a caso Rabiot, anche pubblicamente, ha cominciato a strizzare l’occhio a quello che, salvo sorprese, sarà il mercato a cui farà riferimento per il prossimo, faraonico, contratto: “Ho sempre detto che mi piacerebbe giocare in Premier League. Cosa succederà alla fine del mio contratto con la Juve? Non ne ho idea. Non ho una squadra preferita in Inghilterra, non c'è un club per cui vorrei necessariamente giocare. È il campionato che mi attrae, corrisponde di più alle mie qualità". Se ce n’era bisogno, le porte al campionato inglese sono state spalancate.