Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Roma, Mourinho: "Voglio uno stadio pieno di emozione. Betis sfida difficile, ma è normale"

Roma, Mourinho: "Voglio uno stadio pieno di emozione. Betis sfida difficile, ma è normale"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 5 ottobre 2022, 15:53Serie A
di Simone Lorini

Josè Mourinho, intervenuto ai microfoni di Sky, parla così delle prossime due sfide al Betis Siviglia, che probabilmente decideranno la leadership del gruppo di Europa League: "Questa gara arriva in una sconfitta in casa contro l'Atalanta da cui usciamo però con la sensazione di superiorità: ho perso ma sono stato superiore. Questa è la sensazione che voglio domani: conosciamo la qualità del Betis e sappiamo che hanno sei punti, quindi sono in vantaggio. Voglio uno stadio pieno di emozione e... andiamo: la partita è difficile, ovviamente in Europa League queste partite capitano".

Dybala al centro del progetto tecnico: è stata questa la chiave per valorizzarlo?
"Non lo so, è stato tutto naturale. È naturale per un allenatore volere Paulo ed è naturale per un giocatore con la sua qualità voler essere importante in una squadra così come è normale per lui volere certe responsabilità. È tutto naturale, sembra sia qui da tanti anni. È un bravo ragazzo, mi sembra di conoscerlo da anni".

Smalling e Matic: due giocatori che ha saputo rigenerare:
"Smalling è strano che non sia in Nazionale inglese. Sono in una posizione privilegiata per confrontarlo con lo Smalling di 5 anni fa: non so è la gioia di vivere qui, di stare alla Roma, di stare bene... non lo so. Posso dire in modo obiettivo che è un giocatore di livello altissimo con grande esperienza e stabilità. Nemanja è il terzo club che gioca con me, ha perso qualche qualità rispetto a dieci anni ma ne ha prese altre. Nel nostro profilo di squadra, questo cervello e capacità di stare in campo è importantissima".