Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Roma, Zaniolo al bivio: restare o partire? Ma per ora le offerte non arrivano

Roma, Zaniolo al bivio: restare o partire? Ma per ora le offerte non arrivano
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 21 giugno 2022, 08:15Serie A
di Dario Marchetti

Segni in finale di Conference League il gol decisivo, ogni estate sei tra i nomi più chiacchierati del mercato, gli interessi dei club non mancano eppure di offerte concrete, almeno per il momento, non ne arrivano. E’ possibile? Sì, se di nome fai Nicolò e di cognome Zaniolo. Quello del 22 giallorosso è un vero paradosso perché per la Roma è tutt’altro che incedibile, ma alle condizioni dei Friedkin è difficile trovare una società con la quale chiudere. Da Trigoria, infatti, non accettano contropartite e per meno di 40-50 milioni non si siedono nemmeno a trattare. Respinte, infatti, le prime avance del Milan che puntavano su una base cash di 20-25 milioni aggiungendo prima Saelemaekers e poi Rebic. La Juve, dal canto suo, passi ufficiali non ne ha ancora fatti nonostante il calciatore alla Continassa sia seguito dai tempi di Paratici, per questo Nicolò intanto continua ad allenarsi seguendo il programma fornitogli dallo staff di Mourinho in attesa del raduno per ripartire da dove si era fermato.

Già, perché se è vero che Zaniolo può partire davanti a una buona offerta, è altrettanto vero che la Roma non cercherà di privarsi a ogni costo del giocatore. Forte del contratto in scadenza nel 2024, senza offerte ritenute congrue, la volontà è di provare a continuare insieme rinnovando a cifre ritoccate verso l’alto. Insomma, un vero e proprio bivio che cambierà anche le strategie del club sul mercato. Con la cessione, infatti, servirà un top al suo posto e tra i nomi c’è anche quello di Berardi ma l’effetto domino non è ancora cominciato anche se le parole a SportWeek di sabato scorso non sono piaciute alla società. Quel ‘vedremo’ a chi gli chiedeva se sarebbe potuto diventare l’erede di Dybala lasciano spazio a tante interpretazioni che il management giallorosso non avrebbe voluto sollecitare visto già l’eccessivo chiacchiericcio sul calciatore. Su una cosa, però, non c’è dubbio: né il giocatore né la Roma vogliono tirare troppo per le lunghe la telenovela. Quello che si vuole evitare è una cessione negli ultimi giorni di mercato in stile Cristiano Ronaldo che mandi all’aria i piani del club e per questo una decisione sarà presa entro la metà di luglio. Molto dipenderà anche da Nicolò che comunque a Roma sta bene e potrebbe comunque decidere di seguire il consiglio datogli da Francesco Totti qualche giorno fa.