Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
esclusiva

Reggina, Liotti: "Ringrazio il Cosenza, ma vorrei restare qui per andare in serie A"

ESCLUSIVA TMW - Reggina, Liotti: "Ringrazio il Cosenza, ma vorrei restare qui per andare in serie A"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
domenica 29 maggio 2022, 12:12Serie B
di Luca Esposito

Una prima parte di stagione al di sotto delle aspettative a causa di uno scarso minutaggio (Reggina), poi il trasferimento al Cosenza e la possibilità di scrivere una pagina indelebile di storia. Dietro la salvezza conquistata dai rossoblu c'è anche l'esperienza e la qualità di Daniele Liotti, duttile esterno sinistro che, in cadetteria, ha dimostrato negli anni di essere un calciatore di sicuro affidamento. Si sta godendo le meritate vacanze, con uno sguardo fisso al cellulare e la speranza di ricevere rassicurazioni da Reggio Calabria; le note vicende societarie degli amaranto, infatti, stanno creando qualche preoccupazione soprattutto a chi, come lui, ha ancora due anni di contratto e vorrebbe vivere un campionato ambizioso in una piazza caldissima. La redazione di Tuttomercatoweb lo ha contattato telefonicamente per parlare di passato, presente e futuro...
Partiamo anzitutto dall'impresa con il Cosenza..
"Sono arrivato a gennaio e c'erano stati alcuni problemi in passato, la squadra era partita per il ritiro estivo con pochi giocatori e con tante cose da sistemare dopo il ripescaggio in extremis. Ci può stare una partenza ad handicap. Progressivamente ci siamo tolti delle belle soddisfazioni, potevamo addirittura salvarci senza disputare i playout se non avessimo perso punti in zona recupero contro Spal, Lecce e Crotone. A Vicenza, negli spareggi, ci siamo giocati la nostra gara coronando il percorso con il 2-0 nel match di ritorno. Sono veramente felice, Cosenza meritava di mantenere la categoria".
Che effetto le ha fatto battere il suo amico Caserta in un Cosenza-Benevento deciso in extremis?
"E' stato mio compagno di squadra e l'ho avuto come vice allenatore, secondo me farà una grande carriera. Fu una vittoria di prestigio contro un avversario che lottava per la promozione, capimmo che avevamo i mezzi per poter restare in serie B".
Nel Cosenza c'era un trio proveniente dalla Salernitana, che prospettive hanno questi ragazzi?
"Vero, in rosa c'erano Sy, Boultam e Kristoffersen. Sono giovani e ottimi professionisti, sono stati bene in gruppo con noi e mi auguro possano avere un grande futuro"
Per lei è stata un'annata dai due volti...
"A Reggio Calabria non ho giocato quanto mi sarei aspettato, cosicché a gennaio ho chiesto di andare via per guadagnarmi maggior minutaggio. Devo dire grazie al direttore sportivo Goretti e alla società rossoblu per avermi dato fiducia. Ho dato il mio contributo, non ho nessun tipo di rimpianto e ho dato il massimo mettendomi a disposizione degli allenatori. E' andata bene, la salvezza ci ripaga di tanti sacrifici".
Quale sarà il suo futuro?
"Spero di restare alla Reggina. Grande piazza, grande tifoseria. Ho ancora due anni di contratto, mi piacerebbe continuare con la maglia amaranto".
Certo, la società non sta passando giorni semplici...
"E mi dispiace. Un club del genere dovrebbe giocare stabilmente in serie A, spero che quanto prima qualcuno possa salvare la Reggina e permettere a tutti di parlare esclusivamente di calcio".
Anche Cosenza, però, ha dato tanto calore alla vostra squadra...
"Assolutamente sì. Per la gente di Cosenza la serie B è un patrimonio importantissimo e siamo contenti di aver regalato loro una grossa soddisfazione".
Tra poche ore si gioca Pisa-Monza, che partita dobbiamo attenderci?
"Ho visto la gara dell'andata, sarà una sfida bella ed equilibrata. Da ex mi auguro che il Pisa possa andare in serie A. Conosco mister D'Angelo, i giocatori, l'ambiente, la società. Mi farebbe veramente piacere".
C'è qualche giovane che ha maggiormente impressionato quest'anno?
"Ce ne sono tanti. Direi Fagioli e Gaetano della Cremonese".

© Riproduzione riservata