Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Palermo, Segre: "Playoff? Se dobbiamo sognare non poniamoci limiti. Mi ispiro a Barella"

Palermo, Segre: "Playoff? Se dobbiamo sognare non poniamoci limiti. Mi ispiro a Barella"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Mario Giglio/TuttoPalermo.net
venerdì 23 settembre 2022, 17:49Serie B
di Tommaso Maschio

“Questo ritiro a Manchester è un’esperienza eccezionale, venire qui è una soddisfazione sia a livello personale sia di club e ti fa capire l’importanza di questa società, del loro gruppo anche nei piccoli particolari. Dobbiamo lavorare ancora tanto per arrivare a questi livelli”. Il centrocampista del Palermo Jacopo Segre parla così all’edizione siciliana de La Gazzetta dello Sport dell’esperienza inglese di questi giorni soffermandosi poi sul proprio ruolo: “La mia posizione preferita è da mezzala in un centrocampo a tre anche se da piccolo il mio idolo era Kakà che ho avuto modo di ammirare da raccattapalle a San Siro. Poi ho conosciuto Beckham per la presentazione di uno spot, all’epoca giocavo a Piacenza e lui non sapeva neanche dove fosse. Oggi mi piace Barella dell’Inter e poi Gungogan e De Bruyne del City. - continua Segre fissando gli obiettivi – Siamo una neopromossa ambiziosa e servono umiltà e tanta voglia di lavorare per affrontare questo campionato così difficile e con tanti club che vogliono salire. Puoi vincere col Genoa e perdere ovunque da quanto equilibrio c’è e noi dobbiamo lavorare per migliorarci. L’ambizione ci spinge a dare tanto. I playoff? Perché no, ma se dobbiamo sognare meglio non porsi limiti”.